Inflazione

Inflazione

Continua inarrestabile la corsa dell’inflazione, che aumenta di mezzo punto rispetto al mese precedente.

I rincari di gran parte dei beni di consumo, specialmente di carburanti, gas ed alimentari, portano l’inflazione tendenziale al 4,1% su base annua, rispetto al 3,8% di giugno.

L’Istat ha riscontrato un aumento dei prezzi dello 0,5% su base mensile.

Dall’analisi per settori, gli aumenti arrivano da bevande alcoliche e tabacchi (+2%), acqua ed elettricità (+1,5%) e trasporti (+0,9%). Il prezzo del pane e dei cereali, infatti, è cresciuto del 12,1% con un +13% per il pane e un +25% per la pasta. Inoltre, continua ad aumentare il prezzo dei carburanti, che è cresciuto del 2% su base mensile e del 16,6% su base annua, con un +31,4% (+1,3% sul mese) del diesel e un +13,1% (+1,3% sul mese) della benzina.

In periodo di vacanze, si fa sentire anche il caro-ombrellone: per i servizi balneari la crescita è arrivata all’8%, per i camping al 4% e per i pacchetti vacanza al 5%. Non va meglio per chi sceglie di rimanere a casa e consolarsi con la televisione, perchè gli abbonamenti alle pay-tv sono aumentati del 5,1%.

Ma la situazione non è migliore in Europa. L’indice dei prezzi al consumo registra un aumento tendenziale del 4,1%, raggiungendo il massimo storico dalla nascita dell’Unione Europea.