Murales IRAIl comunicato, letto da Seanna Walsh, con il quale i Provisional Ira dichiara la cessazione della campagna armata iniziata nel 1970.
Da tempo, prima della lettura di questo comunicato, i Provisional avevano iniziato la distruzione del proprio arsenale sotto la supervisione dell’IICD. La campagna armata, inoltre, era terminata a tutti gli effetti dalla dichiarazione del cessate-il-fuoco di luglio 2007, cui seguirono gli Accordi di Belfast di aprile 1998.
Elemento nuovo è la proibizione, per i volontari, di partecipare a qualsiasi attività “non pacifica” – ossia non diretta contro lo Stato inglese o i lealisti – quali il controllo e il mantenimento della sicurezza nei quartieri nazionalisti.
Alla luce di questo comunicato, è inevitabile lo scioglimento dei Provisional Ira. Infatti un esercito senza compiti militari o di polizia, che permette la distruzione del proprio arsenale, non è più un esercito, ma si può quasi parlare di ‘associazione di veterani’.

Sotto al video potete leggere il testo del comunicato, sia in inglese che in italiano. E’ possibile anche scaricare i file con il testo integrale del comunicato, nelle due lingue.

Ira Statement, 28th July 2005
http://www.lesenfantsterribles.org/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/default.gif This is the statement issued by the IRA today announcing an end to the armed campaign. Dimensione / Size:
3.35KB
Scaricato / Clicks:
216

Ira comunicato 28 luglio 2005
http://www.lesenfantsterribles.org/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/default.gif Il testo integrale del comunicato dei Provisional Ira, letto da Seanna Walsh Dimensione / Size:
4.17KB
Scaricato / Clicks:
371

Provisional Ira, 28/07/2005

[flv:/flv_video/ira_050728.flv 425 355]

Provisional IRA statement

The leadership of Óglaigh na hÉireann has formally ordered an end to the armed campaign.
This will take effect from 4pm this afternoon.
All IRA units have been ordered to dump arms.
All volunteers have been instructed to assist the development of purely political and democratic programmes through exclusively peaceful means.
Volunteers must not engage in any other activities whatsoever.
The IRA leadership has also authorised our representative to engage with the IICD [Independent International Commission on Decommissioning] to complete the process to verifiably put its arms beyond use in a way which will further enhance public confidence and to conclude this as quickly as possible.
We have invited two independent witnesses, from the Protestant and Catholic churches, to testify to this.
The Army Council took these decisions following an unprecedented internal discussion and consultation process with IRA units and volunteers.
We appreciate the honest and forthright way in which the consultation process was carried out and the depth and content of the submissions.
We are proud of the comradely way in which this truly historic discussion was conducted.
The outcome of our consultations show very strong support among IRA volunteers for the Sinn Féin peace strategy.
There is also widespread concern about the failure of the two governments and the unionists to fully engage in the peace process. This has created real difficulties.
The overwhelming majority of people in Ireland fully support this process.
They and friends of Irish unity throughout the world want to see the full implementation of the Good Friday agreement.
Notwithstanding these difficulties our decisions have been taken to advance our republican and democratic objectives, including our goal of a united Ireland.
We believe there is now an alternative way to achieve this and to end British rule in our country.
It is the responsibility of all volunteers to show leadership, determination and courage. We are very mindful of the sacrifices of our patriot dead, those who went to jail, volunteers, their families and the wider republican base.
We reiterate our view that the armed struggle was entirely legitimate.
We are conscious that many people suffered in the conflict. There is a compelling imperative on all sides to build a just and lasting peace.
The issue of the defence of nationalist and republican communities has been raised with us. There is a responsibility on society to ensure that there is no re-occurrence of the pogroms of 1969 and the early 1970s. There is also a universal responsibility to tackle sectarianism in all its forms.
The IRA is fully committed to the goals of Irish unity and independence and to building the Republic outlined in the 1916 Proclamation.
We call for maximum unity and effort by Irish republicans everywhere.
We are confident that by working together Irish republicans can achieve our objectives.
Every volunteer is aware of the import of the decisions we have taken and all Óglaigh are compelled to fully comply with these orders. “There is now an unprecedented opportunity to utilise the considerable energy and goodwill which there is for the peace process.
This comprehensive series of unparalleled initiatives is our contribution to this and to the continued endeavours to bring about independence and unity for the people of Ireland.

Ira Statement, 28th July 2005
http://www.lesenfantsterribles.org/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/default.gif This is the statement issued by the IRA today announcing an end to the armed campaign. Dimensione / Size:
3.35KB
Scaricato / Clicks:
216

Comunicato dei Provisional IRA

La dirigenza dei Volontari d’Irlanda [Óglaigh na hÉireann, il nome gaelico dell’Esercito Repubblicano Irlandese] ha formalmente ordinato la fine della campagna armata.
Ciò avrà effetto dalle 4 di oggi pomeriggio (le 16,00).
A tutte le unità dell’IRA è stato ordinato di mettere da parte le armi.
A tutti i Volontari è stato comandato di appoggiare lo sviluppo di programmi puramente politici e democratici usando esclusivamente mezzi pacifici.
I Volontari non dovranno prendere parte ad attività di qualsiasi altro genere.
La dirigenza dell’IRA ha anche autorizzato il nostro rappresentante [Brian Keenan] ad accordarsi con la IICD [la Commissione Indipendente Internazionale per la Messa fuori uso delle armi, presieduta dal generale canadese De Chastelain] per completare il processo di messa fuori uso delle nostre armi in una maniera tale da far crescere ulteriormente la fiducia del pubblico, e per concludere tale processo nel più breve tempo possibile.
Abbiamo invitato due testimoni indipendenti, appartenenti alle Chiese cattolica e protestante, perché possano testimoniare l’avvenuta messa fuori uso delle armi.
Il Consiglio dell’Esercito [Army Council, l’organo supremo di comando dell’IRA, composto da sette persone] ha preso queste decisioni come risultato di un processo interno, senza precedenti, di discussione e consultazione con i Volontari e le unità dell’IRA.
Siamo contenti del modo diretto e onesto in cui il processo di consultazione si è compiuto, e del contenuto e della profondità delle opinioni espresse.
Siamo fieri del modo fraterno in cui si è svolto il processo di consultazione. Il risultato delle nostre consultazioni mostra un appoggio fortissimo per la strategia di pace del Sinn Féin presso i Volontari dell’IRA.
Vi è anche una grande preoccupazione per il fatto che i due Governi [britannico e irlandese] e gli Unionisti non si sono impegnati pienamente nel processo di pace.
Ciò ha creato delle difficoltà reali. In Irlanda la schiacciante maggioranza della popolazione appoggia pienamente questo processo.
Essi, e gli amici della causa dell’unità irlandese in tutto il mondo, vogliono vedere la piena attuazione dell’Accordo del Venerdì Santo.
Nonostante queste difficoltà, le nostre decisioni sono state prese per fare avanzare i nostri obbiettivi democratici e repubblicani, compreso il nostro fine di una Irlanda unita.
Noi crediamo che ora ci sia una via alternativa per ottenere un’Irlanda unita e per fare finire il dominio britannico nel nostro paese. Spetta a tutti i Volontari di dimostrare capacità di guida, determinazione e coraggio.
Siamo ben coscienti dei sacrifici dei nostri patrioti morti, di quelli che sono stati in galera, dei Volontari, delle loro famiglie, e di tutta la base repubblicana.
Noi ribadiamo la nostra opinione che la lotta armata è stata interamente legittima. Sappiamo bene che molti hanno sofferto nel corso del conflitto.
Vi è un imperativo irresistibile per tutte le parti in causa: costruire una pace giusta e duratura.
Ci è stata fatta presente la questione della difesa delle comunità nazionaliste e repubblicane.
La società intera è tenuta ad assicurare che i pogrom del 1969 e dell’inizio degli anni Settanta non possano ripetersi.
Tutti inoltre sono tenuti a combattere l’odio confessionale, in tutte le sue forme.
L’IRA è del tutto impegnato verso i fini della unità e indipendenza irlandesi, e a costruire la Repubblica delineata nella Proclamazione del 1916.
Noi chiediamo che i repubblicani irlandesi dimostrino la massima unità e si dedichino al massimo sforzo. Siamo sicuri che, lavorando insieme, i repubblicani irlandesi potranno raggiungere i nostri obbiettivi.
Ogni Volontario è consapevole della portata delle decisioni che abbiamo preso, e tutti i Volontari dovranno eseguire pienamente questi ordini.
Vi è ora una possibilità senza precedenti di utilizzare la considerevole buona disposizione ed energia che ci sono per il processo di pace.
Questa esauriente serie di iniziative senza precedenti è il nostro contributo a questo, e agli sforzi, che continuano, di dare al popolo d’Irlanda l’indipendenza e l’unificazione.

Ira comunicato 28 luglio 2005
http://www.lesenfantsterribles.org/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/default.gif Il testo integrale del comunicato dei Provisional Ira, letto da Seanna Walsh Dimensione / Size:
4.17KB
Scaricato / Clicks:
371