I leader dei quattro principali partiti nordirlandesi hanno preso parte ad un dibattito televisivo a meno di 36 ore dalle elezioni generali

Dibattito tra leader nordirlandesi | NI leaders debateIl leader del DUP Peter Robinson, il presidente dello Sinn Fein Gerry Adams, Reg Empey dell’UCUNF e Margaret Ritchie dello SDLP hanno affrontato le domande provenienti dal pubblico in un dibattito sulla BBC guidato da Mark Carruthers.

Il fragile stato dell’economia, gli scandali sulle spese e sui rimborsi ed i patti elettorali erano al centro dell’ordine del giorno.

Ma le opinioni diverse si sono scontrate principalmente sui timori per la sicurezza e sulla controversa domanda del ritorno dell’esercito britannico per le strade nordirlandesi.

Sir Reg Empey ha insistito che “elementi rinnegati dell’IRA sono attivi” e porta come prova la recente attività in South Armagh e a Newtownhamilton.

Ha aggiunto: “Dove si pone l’esercito di fronte a tutto questo?

“La risposta è: se è necessario, dovrebbe essere qui”.

Alla domanda se era d’accordo con questa posizione, Gerry Adams ha risposto: “Assolutamente no”.

Ha ribattuto al leader dell’UUP osservando: “Reg era un politico praticante negli anni Settante – vuole ripetere ancora tutti quegli errori?”

Secondo Peter Robinson, “non importa se Gerry Adams dice sì o no”. Prosegue dicendo che spetta al Chief Constable della PSNI Matt Baggott fare quella richiesta e aggiunge:”Se ritenesse necessario l’intervento dell’esercito, allora lo sosterremmo nel riportare l’esercito in Irlanda del Nord – sarebbe una decisione per la sicurezza, non una decisione politica”.

Ma per Margeret Ritchie “l’esercito non è la risposta” e sebbene sia necessario affrontare la minaccia repubblicana, non appoggerebbe il ritorno dell’esercito, “in alcuna circostanza”.

Il dibattito è giunto dopo la pubblicazione del sondaggio condotto dal Belfast Telegraph in cui si vede come la lotta tra DUP e Sinn Fein per diventare il partito più votato in Nordirlanda è molto serrata – con un solo punto a dividerli.

Lo SDLP sembrerebbe mantenere i propri elettori se comparati alle ultime elezioni. Ma l’UUP – allnato insieme ai Conservatives di Cameron nell’UCUNF – subirebbe un crollo di ben 5 punti percentuali.

L’elezione di quest’anno per i posti di parlamentare a Westminster promette di essere quella con il risultato più in bilico dell’ultima generazione e con il conto alla rovescia fino all’apertura dei seggi elettorali, ci sono ancora molte cose da fare nella campagna elettorale per le 18 circoscrizioni in Irlanda del Nord.

[flv:/flv_video/ww_elexsharon_04052010.flv 590 350]