Ian Paisley

Il fondatore della Free Presbyterian Church, reverendo Ian Paisley, sta guidando una delegazione di 60 persone in Scozia per protestare contro la visita di Benedetto XVI in Gran Bretagna

Il reverendo Paisley, ora Lord Bannside, ha riferito a UTV che è propria responsabilità guidare la dimostrazione a Edinburgo, dove giovedì mattina il Pontefice riceverà l’accoglienza da capo di Stato da parte della Regina.

Sabato la Free Presbyterian Church ha acquistato mezza pagina pubblicitaria sul News Letter e ha pubblicato un opuscolo per spiegare le ragioni della protesta.

Ian Paisley dice di contestare la visita papale perché non è stata adeguatamente discussa a Westminster e costerà molti soldi.

Desidera anche mostrare il proprio sostegno alle vittime degli abusi sessuali perpetrati da uomini della Chiesa.

“Sto andando in Scozia per registrare la nostra opposizione alla visita”, afferma Paisley a UTV.

L’ex primo ministro nordirlandese, che ora siede alla House of Lords, dice che la prima visita di Stato da parte di un Pontefice in Gran Bretagna non è stata affrontata in “maniera democratica”, perché non è stata né annunciata né dibattuta a Westminster.

“Se non puoi esprimere i tuoi punti di vista in Parlamento allora non hai altre opzioni che farlo al di fuori di esso.

“Siamo stati zittiti nel luogo in cui dovremmo avere il permesso di parlare e non mi piace che il governo stia facendo questo alle spalle della popolazione”.

Nel fine settimana, il reverendo Ron Johnson ha chiesto agli altri lader delle chiese protestanti di partecipare alla loro protesta.

“Stiamo semplicemente rimarcando i simboli delle chiese protestanti storiche” ha detto l’attuale Moderatore della Free Presbyterian Church a UTV.

“Davvero ogni chiesa protestante in Irlanda del Nord dovrebbe sostenere la nostra posizione. Ma, purtroppo, so che non tutti i ministri di culto lo faranno – ma stanno andando contro i loro voti di ordinazione”.

Beatificazione

La Free Presbyterian Church obietta duramente ai piani di beatificazione del cardinale John Henry Newman, convertito al cattolicesimo nel 19° secolo, in una Messa all’aperto in Cofton Park, a Birmingham, domenica.

“L’uomo lasciò la Chiesa d’Inghilterra – un tentativo di produrre una scissione nella Chiesa d’Inghilterra e sembra molto strano che il Papa dica di volerlo fare Santo”, ha detto a UTV il reverendo Paisley.

Nel 1988, Ian Paisley fu espulso dal Parlamento Europeo dopo aver bollato l’allora Papa Giovanni Paolo II come “l’anticristo”.

Paisley afferma che i membri del gruppo non hanno pianificato di confrontarsi con il Pontefice questa settimana.

Terranno una messa press la Magdalene Church, che venne utilizzata da John Knox – il fondatore della chiesa presbiteriana in Scozia – per tenere la prima Assemblea Presbiteriana in assoluto.

“Abiamo ricevuto il permesso di utilizzare l’edificio per un servizio religioso. Così faremo messa dove la Chiesa di Scozia fu fondata” spiega Paisley.

“Quindi usciremo dall’edificio con uno stendardo.

“Segnalerà che questo è un regno protestante con una comunità protestante.

“Nessuno si aspetta altro da Ian Paisley” ha affermato ridendo.

“Voi vi aspettate che questo avvenga!”

Il Primate di Scozia della chiesa cattolica, Cardinale Keith O’Brien – originario di Ballycastle, Contea di Antrim – ha detto di accettare la volontà di alcuni gruppi di protestare contro la visita del Papa in Gran Bretagna.

Alla domanda sulla visita di Ian Paisley, afferma: “Io stesso provengo dal Nordirlanda, e Ian Paisley è, o era, il parlamentare della mia zona di North Antrim.

“In pratica, se Ian Paisley non fosse venuto, non avrei mai pensato che la visita fosse stata utile. Il fatto che Paisley stia venendo a protestare mostra l’importanza di questa visita”.

La visita di Stato di Papa Benedetto XVI arriva 28 anni dopo il viaggio pastorale di sei giorni di Papa Giovanni Paolo II in Inghilterra, Scozia e Galles nel 1982.

La sua visita includerà viaggi con la “Papamobile” – a Edimburgo, Londra e Birmingham – che si prevede di attireranno migliaia di spettatori.

Il contribuente dovrà pagare fino a 12 milioni di sterline per i costi della visita, con la Chiesa cattolica che contribuirà per 10 milioni di sterline. Le spese di polizia potrebbero raggiungere gli 1,5 milioni di sterline, come stimato la settimana scorsa.

Un portavoce della Chiesa cattolica in Irlanda del Nord ha chiesto a coloro che hanno opinioni opposte a mantenere mente e cuore aperti prima del viaggio.

Protesta contro il Papa

Ian Paisley guida una protesta contro la visita del Papa nel Regno Unito di questa settiana. Paisley si recherà in Scozia giovedì, quando il Pontefice si incontrerà con le Regina Elisabetta.
[flv:/flv_video/paisley_13092010.flv 590 350]

Interview: Ian Paisley

Ian Paisley Senior si appresta a guidare la protesta contro il viaggio del Papa.
[flv:/flv_video/paisleyiv_13092010.flv 590 350]