I repubblicani Colin Duffy e Brian Shivers saranno processati il mese prossimo, accusati di aver ucciso due soldati in un attacco della Real IRA contro la caserma Massereene ad Antrim.

Brian ShiversColin Duffy, di Lurgan, ed il suo co-accusato devono entrambi rispondere di due accuse di omicidio e sei tentativi di omicidio. I due sono anche accusati di possesso di armi e munizioni.

Duffy è stato portato presso il Coleraine Magistrates Court sotto strette misure di sicurezza – sei veicoli blindati della polizia hanno accompagnato il furgone carcerario.

Brian Shivers, di Magherafelt, è fuori su cauzione e si è recato in tribunale per l’udienza che doveva stabilire se vi fossero prove sufficienti per il rinvio a giudizio.

Il giudice distrettuale George Connor ha detto alla corte che entrambi accusati avhannouto un caso di cui rispondere.

Duffy e Shivers negano il coinvolgimento negli attentati del 7 marzo dello scorso anno – che l’accusa descritto come un “attacco omicida a sorpresa… lanciato da uomini armati con armi automatiche contro un gruppo di ignari soldati e civili”.

Gli uomini armati hanno sparato 60 proiettili contro i soldati del 38° Engineer Regiment che si trovavano fuori dai cancelli della caserma per la consegna della pizza.

I genieri Patrick Azimkar e Mark Quinsey rimasero uccisi. I fattorini di Domino’s Pizza e altri sei soldati furono gravemente feriti.

La corte ha sentito la scorsa settimana che i due imputati erano stati al centro di un complotto per uccidere i membri delle forze di sicurezza.

Si è affermato che le prove del DNA corrispondenti a Colin Duffy e a Brian Shivers erano state recuperate da oggetti trovati nella macchina usata per l’attacco. L’avvocato della Corona ha detto che l’auto conteneva anche un kit composto da abbigliamento mimetico, munizioni e passamontagna.

Gli avvocati di Colin Duffy e Brian Shivers hanno detto che la prova del DNA era debole e non si poteva dimostrare che i due uomini fossero nella macchina quando venne utilizzata per l’attacco.

Tuttavia, il giudice Connor ha detto che la macchina era “collegata al crimine … e le prova, la prova del DNA, dimostra che gli imputati sono collegati alla macchina”.

Giovedì l’udienza era stata ritardata per ulteriori rivendicazioni secondo cui Colin Duffy era stato fisicamente aggredito durante una strip search (perquisizione corporale) in carcere.

Il processo inizierà il 14 gennaio.