Nell’intervista esclusiva rilasciata a Ken Reid di Utv, Peter Robinson ha difeso la decisione di non dimettersi da primo ministro e da leader del DUP dopo aver perso il seggio a Westminster, affermando di continuare a fare il lavoro “per il quale sono stato eletto”

Naomi Long + Peter RobinsonLunedì i parlamentari del DUP hanno affermato di essere compatti dietro al loro leader, nonostante lo shock per la perdita del seggio di East Belfast a favore di Naomi Long dell’Alliance Party.

“Sono il primo ministro ed il leader del Democratic Unionist Party e fino a quando il partito ed io stesso sentiremo sia il giunto il momento di cambiare, allora resterò”, ha detto Peter Robinson all’editorialista di Utv Ken Reid.

“C’è un lavoro da fare e dobbiamo ancora consolidarci e andare verso la prosperità”.

Valvola di sfogo

Robinson ha detto di capire i “timori” degli elettori di East Belfast, insistendo che le elezioni sono giunte “troppo presto” dopo una serie di rivelazioni sul suo conto.

“Riconosco che ci sono stati problemi, quindi se fossi un elettore normale su strada e aveva ascoltato senza sosta per gli attacchi stampa su di me, potrei capire i loro dubbi. Questa era la mia preoccupazione – non poter avere l’opportunità di compensazione il mio nome prima di andare alle elezioni”.

Dopo le elezioni, Sammy Wilson, DUP, ha criticato i media per la caduta del leader unionista.

“Ho avuto un periodo lo scorso gennaio in cui, dal mio punto di vista, sarebbe stato meglio andar via. Quella sarebbe stata la cosa più confortevole, da quando ero diventato la valvola di sfogo di tutte le accuse a mezzo stampa, fatte per vendere più giornali e rendere i programmi più importanti”, prosegue Robinson.

Il leader del DUP afferma che non starà appeso all’ufficio, ma nega che il “marchio Peter Robinson” abbia danneggiato il partito.

“Fatemi essere chiaro – qualsiasi cosa sia la migliore per l’Irlanda del Nord e per il Democratic Unionist Party è una mia priorità”, ha detto il politico.

“Niente di ciò che ho fatto ha danneggiato i miei colleghi, tutti sono stati rieletti e sono cosciente che l’unica difficoltà è stata la mancanza di tempo per uscire pulito dalle inchieste.

“Se Peter Robinson deve andarsene al tramonto per il bene dell’Irlanda del Nord e del DUP, allora lo farò. Ma non permetteremo alla stampa di emettere giudizi per nostro conto – lo faremo da soli”.

Robinson ritiene il risultato delle elezioni generali “molto buono” per il partito.

“Abbiamo sconfitto i nostri due concorrenti unionisti – il TUV è decimato, sono al tappeto… La strategia dell’Ulster Unionist Party è stata respinta dall’elettorato nordirlandese.

“Così nel contesto dei partiti unionisti, c’è stato un sostegno molto forte alla politica, alla strategia e alla direzione intrapresa dal DUP e sono confortato da ciò”.

Peter Robinson aveva mantenuto il seggio di East Belfast per 31 anni.

[flv:/flv_video/ww_robinsonIVrecut_10052010.flv 590 350]