I repubblicani continuano ad essere la più grande minaccia in Irlanda del Nord ma le preoccupazioni restano per il ruolo della formazione lealista di UVF

Real Ira | RIRANell’ultimo rapporto redatto dall’Independent Monitoring Commission è stato affermato che il numero degli ordigni esplosivi utilizzati dai repubblicani era raddoppiato nel corso di sei mesi.

“L’alto livello di attività repubblicana avrebbe indubbiamente portato a molti altri morti, feriti e distruzione se non fosse stato per le operazioni delle forze dell’ordine e agenzie di sicurezza del Nord e del Sud e la loro sempre più stretta cooperazione transfrontaliera”, si legge sul rapporto.

Affermando che le due fazioni della Real IRA, soprattutto Óglaigh na hÉireann, sono “di gran lunga le più attive e pericolose”, l’IMC ha concluso che i loro membri avrebbe ucciso agenti delle forze di sicurezza “se fossero stati in grado di farlo”.

L’organo di controllo delle attività paramilitari è anche preoccupato per la situazione riguardante la UVF – alla luce delle gravi attività criminali in cui i suoi membri sono stati coinvolti – e ha detto che la questione della sua ri-specificazione “deve essere tenuta sotto stretta e legale considerazione informata”.

L’IMC ha rivelato che la leadership UVF aveva sancito la raccolta di informazioni su repubblicani. Afferma inoltre che i membri avevano discusso per ottenere armi, ma “senza sanzione e senza alcun piano”.

Domande sono sorte sulla validità del loro cessate-il-fuoco e sullo smantellamento degli arsenali, a seguito dell’omicidio di Bobby Moffett e alle recenti rivolte in Newtownabbey – dove la polizia ha detto di aver avvistato un uomo armato della UVF.

L’IMC ha già indicato come l’uccisione di Bobby Moffett a Shankill Road in pieno giorno, fosse stata sancita dalla leadership UVF, ma non ha infranto i termini del cessate il fuoco. I disordini ai margini del quartiere di Rathcoole non ha avuto luogo entro i sei mesi esaminati nell’ultima relazione della Commissione.

Pesante responsabilità

Affermando che l’onere di divenire un organismo pienamente civile era della leadership UVF, l’IMC ha notato la disaffezione di membri anziani del PUP – il partito politico legato alla UVF.

“Coloro che rimangono nel partito si assume una responsabilità molto pesante, che speriamo siano in grado di soddisfare”, ha detto l’IMC.

La parlamentare ed ex leader del PUP Dawn Purvis uscì dal partito dopo l’omicidio di Shankill. È stata sostituita da Brian Ervine, il fratello del compianto David Ervine.

Il venticinquesimo rapporto IMC ha anche sostenuto che la Continuity IRA è rimasta “molto attiva” e che “sebbene non operasse alla stessa maniera della RIRA, minacciava e potrebbe aver preso vita da una serie di occasioni”.

L’INLA considerata ancora terminata la sua “lotta armata”, ma ci sono alcuni membri coinvolti in reati gravi, mentre la Commissione ha affermato che la Provisional IRA ha “mantenuto il suo corso politico”.

L’IMC ha inoltre rilevato quelli che ha definito gli “sforzi di figure di alto livello nel movimento repubblicano per cercare di controllare i disordini”.

Sul versante lealista, la LVF era considerata una “piccola organizzazione senza scopo politico” mentre i cosiddetti dissidenti lealisti stati giudicati di non avere un sostegno significativo.

Ma l’IMC ha riportato un “quadro complesso e misto” parlando di UDA e della sua fazione secessionista, la brigata di South East Antrim.

La Commissione ha indicato che la UDA ha eseguito un reclutamento e mantenuto alcune armi, nonostante la distruzione degli arsenali. Anche se il suo progresso è stato considerato a “macchia di leopardo”, l’IMC ha stabilito che “la leadership nel suo complesso non vuole che l’organizzazione torni alla sua vecchia maniera”.

Ma il rapporto ha aggiunto che vi sono “questioni importanti” per la leadership della fazione South East Antrim, a causa del coinvolgimento del gruppo in una serie di attacchi e per la criminalità.

L’Independent Monitoring Commission terminerà il suo rapporto finale la prossima primavera e quindi si scioglierà.

IMC Report 25
http://www.lesenfantsterribles.org/wp-content/plugins/downloads-manager/img/icons/pdf.gif 04/11/2010: Venticinquesimo rapporto dell\'Independent Monitoring Commission sulla situazione in Irlanda del Nord. In lingua inglese. Dimensione / Size:
917.26KB
Scaricato / Clicks:
238