Un litigio è esploso per la prevista esposizione del rricolore irlandese alla parata di San Patrizio che si terrà a Downpatrick

Statua di San Patrizio | Statue of Saint PatrickGli unionisti hanno picchettato un incontro del Down District Council dopo che il consigliere dello Sinn Fein Eamonn Mac Con Midhe ha affermato di voler guidare la parata di giovedì issando il tricolore irlandese.

Parlando con Utv, Mac Con Midhe ha detto di voler ancora farlo: “Sarò qui giovedì con il mio tricolore, marciando lungo il percorso insieme ai consiglieri, come nelle mie intenzioni.

“Solo pochi consiglieri unionisti hanno partecipato alla parata, quindi perché dicono alla gente di stare alla larga quando neppure loro parteciperanno?”

Venticinque anni fa il Consiglio comunale aveva preso la decisione di fornire bandiere rosse e bianche di San Patrizio a chi partecipava alle celebrazioni annuali.

In tempi recenti alcune preoccupazioni sono state espresse a porte chiuse nel Consiglio sul collegamento percepito tra la bandiera ed i Protestanti.

Ma questa sfida pubblica sulla posizione ufficiale del Consiglio ha suscitato indignazione nei circoli unionisti, i quali hanno detto che potrebbe danneggiare le relazioni tra la comunità.

“Quello che ha fatto è spingere un cuneo tra le due comunità, ha cercato di dividere le due comunità” ha detto William Walker, DUP, a Utv.

“Ora se la gente si presenterà in sfilata con il tricolore sarà un suo successo”.

Nel frattempo il presidente del Consiglio, Eamonn O’Neill dell’SDLP, ha affermato che utilizzare la bandiera come “provocazione” è un disonore.

“Sono molto orgoglioso della bandiera, ma significa la pace tra le due tradizioni dell’isola”, ha detto a Utv.

“In effetti, questa è la natura della bandiera e io non l’avrei mai disonorata usandola come una provocazione”.

In un comunicato del parlamentare dello Sinn Fein Willie Clarke, il partito ha chiarito la sua posizione sull’esposizione di bandiere, dicendo che il problema è stato “gonfiato a dismisura”.

“Esporre la nostra bandiera nazionale nel giorno di San Patrizio è una posizione legittima e io la difenderò”, ha detto.

“Come rappresentanti politici abbiamo l’obbligo di rappresentare le opinioni dei nostri elettori. Riconosco anche che il giorno di San Patrizio dovrebbe essere un’occasione in cui tutti si divertono e condividono.

“È un peccato che il dibattito intorno a questo problema sia stato gonfiato a dismisura e credo che tutti noi abbiamo bisogno di essere sensibili sul causare offese, ma dobbiamo anche essere abbastanza maturi per discutere le questioni senza infiammare le passioni”.