Eva Klotz
BOLZANO – Su un totale di 61.189 votanti il 92,17% si è espresso a favore dell’autodeterminazione dell’Alto Adige, in sostanza per il distacco dall’Italia. Sono i risultati del referendum autogestito, dunque senza valore legale, organizzato dalla Pasionaria Eva Klotz, col suo partito, Suedtiroler Freiheit, che vede in Consiglio provinciale a Bolzano tre rappresentanti: la stessa Klotz, Sven Knoll e Bernhard Zimmerhofer.

Si tratta, come hanno spiegato in una conferenza stampa oggi a Bolzano, alla presenza di rappresentanti dei movimenti indipendentisti di Catalogna e Veneto, del primo referendum altoatesino del genere. Un risultato, è stato detto con soddisfazione dal partito, che “dà un mandato politico chiaro sul futuro dell’Alto Adige”.

Il partito aveva spedito le schede elettorali autogestite a tutti gli altoatesini, creando anche polemiche nella politica altoatesina per queste buste giunte nelle case con la dicitura “documenti elettorali”.