Secondo fonti starebbe pensando di non firmare l’estradizione. Il ministro Gebro: “In Italia c’è fascismo”

Cesare BattistiMILANO – Sulla vicenda Battisti restano molte nuvole all’orizzonte. Secondo una fonte anonima citata dalla Reuters, il presidente Lula starebbe pensando di non firmare il provvedimento di estradizione dell’ex terrorista italiano. Due giorni dopo il sofferto via libera da parte del Tribunal Supremo Federal, il leader brasiliano deve decidere se confermare o respingere la sentenza dell’Alta Corte. Una conferma della propensione del governo di Brasilia a non assecondare la richiesta di estradizione, arriva anche dal ministro della giustizia brasiliano, Tarso Genro, secondo cui l’esecutivo guidato da Lula preferirebbe dire di no “per motivi politici e umanitari” e questo a causa del “rafforzarsi del fascismo” in Italia.

“FASCISMO IN ITALIA” – “L’Italia non è un Paese nazista o fascista – ha spiegato Genro all’Estado di San Paolo, uno dei principali quotidiani del Paese -, ma si constata un aumento preoccupante del fascismo in una parte della popolazione italiana, anche in settori del governo”. La data per la decisione definitiva da parte del presidente Luiz Inacio Lula da Silva non è ancora stata fissata: occorrerà attendere quanto meno la pubblicazione della sentenza; nel frattempo i legali di Battisti – in attesa comunque di processo per falsificazione di documenti – chiederanno la scarcerazione per amnistia; in seconda battuta è probabile la richiesta di ammissione al regime di arresti domiciliari. Secondo Genro la decisione di Lula sarà “solitaria” e “sovrana”, un “giudizio politico come dirigente della politica estera del Paese”, con il solo vincolo di consultare l’Avvocatura Generale dello Stato. Incontrando la stampa, Genro è tornato all’attacco, affermando che sul caso dell’ex terrorista rosso “alcuni ministri” italiani evidenziano “una netta intenzione persecutoria” e uno spirito di “vendetta”.

LA MELINA DI LULALuiz Inacio Lula da Silva – scrive invece il quotidiano carioca Globo – non ha fretta di prendere una decisione ed è alla ricerca di argomenti giuridici per difendere l’idea che Battisti meriti l’asilo in Brasile. La decisione di Lula dello scorso gennaio di accordare a Battisti lo statuto di rifugiato si basava su una raccomandazione del ministro Genro, un uomo di sinistra molto influente e suo alleato politico, tanto più in vista delle elezioni politiche e presidenziali del prossimo anno.

TEMPI LUNGHI – Comunque, al di là di possibili colpi di scena che evidentemente non sono esclusi, l’eventuale riconsegna a Roma avrebbe comunque, assicurano più fonti, tempi lunghi. Sulla scia dell’udienza della corte brasiliana (il Supremo Tribunal Federal o Stf, ndr), a Brasilia è stata la giornata dei rumors, interpretazioni e analisi. La domanda chiave è cosa farà ora Lula. C’è chi sostiene che il presidente si pronuncerà solo nel 2010, in attesa della pubblicazione del decreto da parte dell’Stf, che sui casi complessi – come capitato di recente su una riserva indigena in Amazzonia – può anche lasciar passare dei mesi tra il momento di una decisione e quello della pubblicazione del relativo decreto.

LE IPOTESI – Secondo altre fonti, Lula potrebbe anche cancellare lo status di rifugiato politico a Battisti, senza però riconsegnarlo in Italia, lasciando pertanto che l’ex terrorista continui a risiedere in Brasile, ma “per ragioni umanitarie”. Esperti citati dal quotidiano Folha de S.Paulo hanno d’altra parte fatto notare che il trattato d’estradizione firmato da Italia e Brasile nel 1989 permetterebbe a Lula di bloccare la riconsegna a Roma di Battisti: ma solo – si precisa – se il presidente sostiene allo stesso tempo che l’ex terrorista debba affrontare in Italia “atti persecutori e di discriminazione per ragioni di opinione politica”.