Pat FinucaneIl figlio dell’avvocato di North Belfast Pat Finucane, assassinato il 12 febbraio 1989 dai paramilitari dell’UDA, ha riferito la scorsa settimana al Congresso degli Stati Uniti che la sua famiglia non accetterà nulla di meno di una completa, pubblica ed indipendente inchiesta sulla morte del padre.

Parlando di fronte al sottocomitato sulle organizzazioni internazionali e diritti umani John Finucane ha detto che la famiglia non accetterà mai una sorta di “farsa” basata sulla restrittiva legge 2005 Inquiries Act.

Un’inchiesta pubblica sull’omicidio di Pat Finucane era stata raccomandata da Peter Cory, ex giudice della Corte Supreme del Canada, incaricato dal governo britannico e dal governo irlandese sul controverso omicidio.

Nel 2003 chiese l’avvio di un’inchiesta pubblica sulla morte dell’avvocato di North Belfast, ma subito dopo il governo britannico annunciò la necessità di una nuova legge.

Nel 2004 l’allora Segretario di Stato per il Nord, Paul Murphy, disse alla famiglia Finucane che l’inchiesta avrebbe dovuto seguire l’Inquiries Act perché “molto del materiale che dovrebbe essere esaminato nell’inchiesta è molto delicato per le questioni di sicurezza nazionale. Ad esempio molte tecniche operative discusse nell’inchiesta sono attualmente usate nella guerra contro il terrore”.

Queste tecniche sono confermate come collusione dall’ex Commissario della London Metropolitan Police, Lord John Stevens.

“L’Inquiries Act 2005 previene ogni inchiesta dall’agire in maniera indipendente” afferma John Finucane.

“Obbliga il tribunale, non importa quanto indipendente, credibile o rispettabile sia il presidente, di aderire alle decisioni prese dai ministri di governo. La mia famiglia è contraria a tenere un’inchiesta sulla morte di mio padre in base all’Inquiries Act perché non vogliamo partecipare ad una farsa.

“Vogliamo ottenere ciò che chiediamo e che venne accordato dai governi inglese ed irlandese nel 2001 – un’inchiesta pubblica, indipendente e giudiziaria, composta da giudici internazionali che non sono in alcun modo collegati con la Gran Bretagna o con il governo inglese.

“Questo è importante, non solo per la mia famiglia, ma per l’intera società, sia in Irlanda che internazionalmente, perché instillerebbe fiducia nell’inchiesta, nel suo lavoro e nelle sue conclusioni.

“Una semplice imbiancatura farebbe più male che bene.

“Le circostanze intorno all’omicidio di Patrick Finucane sono molto di più che la morte di un uomo.

“Rappresentano semplicemente il caso più conosciuto di ciò che sarebbe potuto succedere a chiunque e che è accaduto a molti.

“Ciò che voglio sopra a tutto è conoscere la verità sulla morte di mio padre. Se il governo britannico fosse interessato a risolvere la situazione in Irlanda del Nord e costruire una pace duratura, allora chiediamo una sola e semplice cose. Non possono restituirmi mio padre, almeno possono dirmi la verità”.
[dm]102[/dm]