Continuity IRA - CIRA | Still at warIl Republican Sinn Fein ha lanciato un pungente attacco contro la Real IRA durante la commemorazione svolta presso il City Cemetery la domenica di Pasqua, etichettando il gruppo come “traditori”.

Il commento è stato fatto durante il discorso principale della commemorazione della Rivolta di Pasqua da parte dello RSF, tenuto da Emmett White di Offaly.

White ha detto: “Abbiamo molti gruppi che si definiscono repubblicani. Abbiamo la cosiddetta Real IRA che sta lottando per una repubblica composta da 32 Contee o, almeno, così dice. Cosa hanno fatto tra il 1986 ed il 1997? Stavano seguendo l’agenda dei Provos. Sono dei traditori. Dovrebbero lasciare le armi e ritornare a casa. Non può esserci una diluizione del principio”.

Alcuni membri del 32 County Sovereignty Movement presenti hanno abbandonato la commemorazione in protesta contro queste frasi.

Anche i repubblicani “mainstream (la corrente ritenuta “principale”, ovvero gli Shinner) sono finiti sotto attacco durante la commemorazione, guidata da Mickey McGonigle, con le dichiarazioni della Continuity IRA (CIRA) e dei suoi prigionieri, secondo le quali i membri dello Sinn Fein sono “colpevoli di tradimento”.

Un uomo vestito con uniforme paramilitare ha letto un comunicato della dirigenza CIRA, mentre la dichiarazione dei prigionieri della Continuity IRA recitava: “I cosiddetti repubblicani sono colpevoli di tradimento. Se continuano a proteggere il nemico dell’Irlanda incontreranno la nostra resistenza”.

Prima dell’orazione, Richard Walsh, di Derry, ha deposto una corona al monumento repubblicano per conto della Continuity IRA mentre Damien McGonigle, di Dungiven, ha deposto una corona presso la tomba del repubblicano Séan Keenan. Richard Walsh ha letto la Proclamazione d’Indipendenza e la commemorazione è terminata con Whitey O’Neill che suonava l’inno nazionale.