Contestati la Moratti, Formigoni e Podestà. Il sindaco di Milano: “Capisco chi protesta per una giustizia negata”

Piazza Fontana, Milano | 12 dicembre 1969MILANO – Fischi e contestazioni. Dopo aver deposto le corone davanti alla banca Nazionale dell’Agricoltura, il sindaco di Milano Letizia Moratti, il presidente della Provincia Guido Podestà e il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni sono stati sonoramente fischiati non appena sono saliti sul palco, al termine del corteo promosso dalle istituzioni per il quarantennale della strage di Piazza Fontana a Milano. Da più parti si sono levate grida come “Vergogna”, “Strage di Stato”, “Fascisti!”. Uno dei familiari delle vittime, Paolo Silva, ha cercato inutilmente di zittire la folla: “Un po’ di rispetto, per favore, state zitti”.

MORATTI – “Capisco chi protesta, capisco i fischi, perchè chiedono giustizia, una giustizia che è stata negata per 40 anni” ha detto subito dal palco Letizia Moratti. “Lo dico con umiltà non ci possono essere parole di consolazione per le famiglie, ma credo che la giustizia possa nascere solo da una coscienza collettiva”. Il sindaco ha ricordato che il Comune realizzerà una casa della memoria, dove troveranno posto tutte le associazioni dei familiari delle vittime del terrorismo e dello stragismo e che sarà un centro di documentazione sugli anni più bui della storia della Repubblica. “Il Comune è qui – ha aggiunto – per esprimere il netto rifiuto della violenza, per testimoniare il suo impegno nella ricerca della veritá giudiziaria, perchè mai più si ripetano gli errori del passato, perchè mai più Milano debba essere spettatrice di tanto dolore, bensì, al contrario, protagonista di un futuro di pace”.

IL CORTEO – Il discorso della Moratti è arrivato dopo che si era svolto il corteo cittadino, quello ufficiale. Un secondo corteo, organizzato dalle sinistre, si era svolto separatamente. Dopo il concentramento in piazza della Scala, la manifestazione era partita alla volta della piazza dove, quarant’anni fa esplose una bomba collocata nella Banca Nazionale dell’Agricoltura provocando 17 morti e 84 feriti. Alla testa del corteo, molto partecipato, c’erano i familiari delle vittime, che esponevano uno striscione “Famiglie vittime strage di piazza Fontana”. Dietro c’erano numerosissimi i gonfaloni che rappresentavano le città che partecipavano alla commemorazione. In fondo al corteo sventolavano invece numerose bandiere di partito, quelle del Pd, del Partito socialista e molte bandiere rosse.

IL RICORDO DI PINELLI – Il vicepresidente della associazione dei familiari delle vittime di Piazza Fontana, Carlo Arnoldi, ha ricordato anche quella di Giuseppe Pinelli, l’anarchico morto in questura dopo due giorni di interrogatorio. In tutta la cerimonia di commemorazione, scandita dai fischi e dalle proteste dei partecipanti al corteo istituzionale, il ricordo dell’anarchico è stato uno dei rari momenti in cui le contestazioni hanno lasciato il posto agli applausi. “Il 9 maggio scorso – ha detto Arnoldi – il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha fatto un gesto importante, a differenza di quelli che lo avevano preceduto: ha dato dignità a Pinelli, innocente, come 18ma vittima di Piazza Fontana, restituendo l’onore che gli era stato negato. È stato un gesto, questo, che ci ha fatto onore”.

TENSIONE POI IL RITORNO ALLA CALMA- Alla fine del corteo ci sono stati però anche momenti di tensione, tra alcuni manifestanti dell’area antagonista, appartenenti al secondo corteo, quello delle sinistre e la polizia, schierata dietro alla transenne, con lancio di sassi e petardi al margine di Piazza Fontana. La polizia e i carabinieri in tenuta antisommossa hanno cercato di contenere il tentativo di sfondamento di oltre un centinaio di giovani dell’area antagonista. La polizia ha reagito a colpi di manganello. Ma il confronto non è duranto molto: i manifestanti del corteo della sinistra sono entrati in piazza Fontana come chiedevano e alla fine è tornata la calma . Sul palco della storica piazza ,sono arrivati quindi anche i manifestanti che hanno superato il cordone delle forze dell’ordine, sventolando bandiere rosse e cantando “Bella Ciao”.