di Aine Ni Shionnaigh per Les Enfants Terribles

Come il Republican Network for Unity ha gestito il problema sollevato dalle parate contenziose come il “Tour del Nord”?
RNU è molto attivo all’interno del Collettivo dei residenti di Ardoyne – il Greater Ardoyne Residents Collective (GARC) – e la loro influenza è molto importante. Sulle sei marce contenziose che attraversano la comunità di Ardoyne, gli attivisti del RNU sono in strada per l’intera durata della parata non ben accetta per monitorare l’intera situazione. Agiscono in questo modo per assicurarsi che la popolazione nazionalista abbia un’effettiva rappresentazione.

La Commissione Parate ha deciso di “impedire a due parate del Tour del Nord dell’Orange Order di passare nella zona di Ardoyne”. Queste decisione contribuirà ad innalzare la tensione nell’intera comunità?
Come sapete, le tensioni nella comunità si sono innalzate in maniera importante dopo che la Commissione Parate ha vietato le due marce. Questo ha portato la comunità unionista/protestante e lealista a bloccare due importanti strade cittadine, impedendo l’accesso a chiunque. E’ avvenuto per due notti di seguito e ha portato a gravi scontri con la RUC/PSNI che ha fatto rispettare la decisione della Commissione Parate. Quattro mmbri della RUC/PSNI sono rimasti feriti negli scontri sebbene non siano stati usati né proiettili di plastica né cannoni ad acqua per far cessare i disordini.

RNU ritiene che la protesta pacifica nella zona di Ardoyne sia stata efficace in passato e la rifarete in futuro?
RNU supporta pienamente il diritto dei residenti a eseguire proteste pacifiche legittime per opporsi a queste parate settarie e non volute, ora e in futuro. Il nostro Network appoggia anche il percorso alternativo proposto dal GARC nel 2009 ma ignorato da quasi tutti i politici, compresi Sinn Fein e SDLP.

Ci sarà un tempo, in futuro, quando vedrete l’annuale stagione delle marce non dividere le comunità del Nord?
L’unico momento in cui io/noi vedremo le parate non costituire un problema per le comunità nazionaliste nel Nord, sarà quando gli Ordini Lealisti seguiranno il senso comune e smetteranno di insistere a marciare dove chiaramente non sono i benvenuti. Le parate repubblicane e nazionaliste si svolgono sempre in zone in cui i residenti non si sentono offesi e RNU chiede a tutti gli Ordini Lealisti di agire di conseguenza.

Qual è il suo punto di vista sulle continue e crescenti brutalità, molestie e arresti di Repubblicani irlandesi? Questo avrà un effetto a catna se le comunità si sentiranno sotto assedio da parte della parate dell’Orange Order.
Per RNU l’incremento della brutalità e delle molestie contro i Repubblicani irlandesi da parte della polizia politica britannica nonn è nulla di nuovo. Tuttavia l’internamento di Marian Price è uno sviluppo preoccupante e deve essere fermamente contrastato da chiunque ritenga che i repubblicani abbiano il diritto di opporsi politicamente al governo britannico in Irlanda.

RNU è realista e sappiamo dalle esperienze passate che le forze dell’imperialismo britannico non si fermeranno davanti a niente, macchiando, calunniando, intimidendo e bloccando la resistenza politica. La nostra lotta è legittima e continuerà fino a quando gli inglesi occuperanno le Sei Contee irlandesi. Se la loro lotta contro il nostro Network continuerà a crescere, i nostri attivisti sono fermamente determinati a proseguire fino ad ottenere la creazione di una Repubblica Irlandese Socialista di 32 Contee.
Gerry Kelly, TC e Martin og Meehan | © Andrea Aska Varacalli