strae di tokyoIeri almeno sette persone sono rimaste uccise e molte altre sono state ferite da un folle nel centro di Tokyo.

L’uomo, di 25 anni, si è lanciato con il proprio camioncino tra la folla nel quartiere di Akihabara, quindi è sceso con un coltello in mano e ha colpito all’impazzata chiunque si trovasse di fronte.
Tomohiro Kato è stato arrestato dalla polizia, grondante di sangue. Ha detto agli agenti che lo arrestavano di aver preparato il suo piano “per ammazzare gente” perché “stanco di vivere”.

I primi testimoni hanno raccontato che l’aggressore continuava ad urlare mentre si scagliava con la sua arma contro i passanti, rimasti pietrificati dalla paura.

Kato aveva scritto su un forum i piani del suo folle gesto. “Ucciderò gente ad Akihabara”, si leggeva nel suo primo messaggio. “Andrò a schiantarmi con il furgone e, se diventerà inutile, userò il coltello”, ha proseguito l’uomo. Poco prima di mettere in moto il suo furgone e recarsi nel quartiere di Tokyo famoso per i negozi di elettronica e videogames ha scritto l’ultimo avvertimento “è arrivato al momento”.

Già in altre occasioni Internet era stata utilizzato per preannunciare stragi. Come i video messi in rete dall’assassino del massacro del campus di Virginia Tech nel 2007. O come in Finlandia, quando su YouTube Pekka Eric Auvinen aveva inserito un video dove annunciava la strage alla scuola superiore di Jokela, dove trovarono la morte sette ragazzi ed un professore.