Maze Regeneration SiteUn centro sulla trasformazione del conflitto a Maze dovrebbe aprirsi nel 2015. Sono le parole del primo ministro nordirlandese Peter Robinson.

Il sito vicino a Lisburn dovrebbe raccontare le storie di tutti coloro che morirono durante i Troubles, prosegue il primo ministro.

Il prossimo anno, ha riferito in Assemblea, verrà fatta domanda per un finanziamento europeo.

“Sono assolutamente determinato, come non ho dubbi sia anche il vice primo ministro, che avremo un approccio inclusivo riguardando tutti gli aspetti del vecchio utilizzo di quel sito”, ha affermato.

Si potranno udire le storie dell’esercito britannico, degli agenti carcerari e delle vittime del terrorismo, aggiunge il leader del DUP.

Robinson ha riferito che la prossima estate i ministeri otterranno una decisione sulla richiesta avanzata allo Special European Union Programmes Body e se sarà positivo, il centro dovrebbe essere costruito e divenire operativo entro il 2015.

Sinn Fein e Dup hanno delineato un piano a due punte, composto da un edificio per la costruzione della pace e della risoluzione del conflitto ed un’agenzia di sviluppo per sbloccare il potenziale commerciale del sito.

Il sito manterrà una serie di edifici che sono protetti, compresi i blocchi H e l’ospedale in cui il 10 martiri repubblicani perirono durante l’Hunger Strike (sciopero della fame), guidato dal prigioniero dell’IRA Bobby Sands, nel 1981.

In passato gli unionisti avevano espresso la preoccupazione per qualsiasi piano di conservazione degli edifici legati allo sciopero della fame repubblicano.

Una controversia sul modo migliore per riqualificare il sito è esplosa dalla chiusura del carcere nel 2000. A maggio è emerso che oltre 12.000.000 di sterline sono state spese per la potenziale riqualificazione dell’ex carcere, compresi i lavori per ripulire l’area.