Gerard Doran, Derry

Un uomo di affari di Derry ha detto di essere stato avvicinato da membri dell’MI5 mentre si trovava in Lituania a inizio mese

Gerard Doran, titolare della GD Textyles di Derry, si preparava ad incontrare alcuni clienti nella hall di un albergo della capitale lituana Vilnius, quando due uomini gli si sono avvicinati chiedendogli di fornire informazioni sull’attività repubblicana a Derry.

“Mi ha lasciato in stato di shock totale. Ero seduto nella hall in attesa di incontrare tre clienti quando questi due uomini, uno con accento inglese e l’altro con accento irlandese, si sono avvicinati e mi hanno chiamato per nome e per soprannome.

“Non avevo mai incontrato questi due individui prima, quindi potete immaginare come mi sentivo quando questo è accaduto nel centro di Vilnius.

“I due uomini sono stati in grado di dirmi dove ero stato e chi avevo incontrato negli ultimi tre giorni. Questo significa che mi seguivano e come sapevano che mi sarei recato in Lituania? Queste sono a dir poco molestie.

“Tutto quello che voglio fare è andare avanti con il sostegno della mia famiglia e farmi una vita. Vorrei che mi lasciassero in pace”.

Gerard Doran, che ha detto di non avere collegamenti con gruppi politici o organizzazioni repubblicane, ha rivelato di sospettare che l’MI5 aveva già cercato di contattarlo.

“Intorno a questo periodo, lo scorso anno, ho ricevuto una telefonata. Era un uomo con accento inglese che mi ha spiegato di volermi parlare di certi individui di Derry. Gli risposi che non sapevo di cosa stesse parlando e gentilmente gli chiesi di lasciarmi in pace”.

Doran ha affermato che dopo essere tornato a Derry la scorsa settimana ha ricevuto un’altra telefonata da uno degli uomini che ha incontrato in Lituania.

“Dopo l’incontro con i due uomini a Vilnius, ho tolto la batteria del telefono cellulare, nel caso la usassero per seguirmi. Appena sono tornato a Derry ho rimesso la batteria nel telefono, l’ho caricato e poche ore dopo uno degli uomini mi ha telefonato.

“Mi ha detto le stesse cose più e più volte. Voleva parlarmi di alcune persone di Derry e ha detto che poteva aiutarmi. Mi ha anche detto che i tre imprenditori lituani che avevo incontrato a Vilnius non erano in realtà lituani. Si trattava di russi e io avrei dovuto star lontano da loro.

“Quella telefonata mi ha davvero spaventato. Ecco perché voglio raccontare la mia storia. Non ho nulla da nascondere. Voglio solo che queste persone mi lascino solo.

“Sono solo un uomo d’affari che sta cercando di sostenere la sua famiglia e di farsi strada nel mondo.

“L’intera cosa mi sta causando grande stress e ansia. Non ho detto nulla ai miei figli perché so che si sarebbero preoccupati”.

Gerard Doran ha fornito quello che ritiene il movente per cui viene preso di mira dagli agenti dei servizi segreti britannici.

“Un amico di famiglia è un noto repubblicano ben noto e ci troviamo a bere. È l’unica spiegazione che posso trovare.

“Non è un crimine per condividere un drink con un amico, così vorrei che queste persone la smettessero di tormentarmi e mi permettano di andare avanti con la mia vita”, ha concluso Gerard Doran.

Un portavoce dell’Home Office britannico ha detto di non poter commentare sull’accaduto.

“Il Ministero degli Interni non può pronunciarsi su questioni relative alle operazioni di sicurezza”, ha spiegato il portavoce.