Lealista della UVFI paramilitari lealisti potrebbero decidere di distruggere le proprie armi, secondo quanto riferito da Shaun Woodward.

Il Segretario di Stato per l’Irlanda del Nord ha anche riferito di voler chiudere le agevolazioni per la decommissioning (messa fuori uso delle armi) qualora non ci fossero progressi entro agosto.

Woodward ha parlato di fronte al Comitato per gli Affari dell’Irlanda del Nord nella giornata di mercoledì.

Secondo il segretario i leader lealisti hanno contribuito a far diminuire le tensioni dopo gli omicidi di tre membri della forze di sicurezza da parte dei dissidenti repubblicani lo scorso mese.

A gennaio Woodward ha ricevuto l’appoggio dei parlamentari britannici per estendere il lavoro dell’Independent International Commission on Decommissioning nella speranza che i lealisti possano seguire il percorso intrapreso dai Provisional Ira, che hanno messo fuori uso le armi nel 2005.

“La ragione per cui ho chiesto il prolungamento per un ultimo anno, e voglio sottolineare la parola ultimo, dell’estensione dei poteri della Commissione per la decommissioning è che vedo nel loro lavoro un significativo progresso”, ha detto il segretario.

“Quel significativo progresso, credo, non solo continua ma è in via di sviluppo.

“Ma, come dissi a quel tempo, non sostituisce il diritto penale, ma è come il diritto penale.

“Credo che riusciremo a raggiungere lo scopo, altrimenti non avrei chiesto il prolungamento.

“Ripongo fiducia nel fatto che ci arriveremo nel giro di mesi e non di anni, per cui sono sicuro mentre dico che questa è l’ultima volta che vedremo questo prolungamento”.

Ma Woodward dice di essere pronto a staccare la spina alla legge qualora non ci fossero azioni concrete in pochi mesi.

“Qualora non ci fossero significativi progressi per la metà di agosto di quest’anno, dopo oltre sei mesi dal prolungamento emesso dal Parlamento, darò immediato ordine di bloccare tutto.

“Adesso credo che queste persone abbiano sentito il messaggio e l’abbiano compreso. Abbiamo sentito molte dichiarazioni, adesso abbiamo bisogno di altro”.

Woodward ha affermato che, dopo i colloqui con molte persone tra cui il capo della polizia, ha sentito di dover prendere la decisione di estendere il tempo per la distruzione degli arsenali per aiutare i lealisti a togliere le armi dalle strade.

“Se sapessimo dove si trovano, andremmo a prenderle stasera stessa. Il problema è che non lo sappiamo”, ha riferito Woodward.

“Ma riteniamo che, attraverso la commissione internazionale, si possa effettivamente portare a gestire in un certo numero di armi, per questa via, e quindi è il motivo per cui vale la pena di persistere”.

UFF 2nd Batt. C Companyy