Il leader del DUP per la prima volta ha stretto la mano al suo vice Martin McGuinness

Peter Robinson ha rivelato al Sunday Times che Martin McGuinness allungò la mano durante la riunione privata avuta per parlare dei problemi personali dell’ex primo ministro.

“Mi ha espresso simpatia e ha allungato la mano”, ha detto.

“Ho pensato sarebbe stato un errore da parte mia in quelle circostanze fare qualsiasi altra cosa che non fosse quella (di stringergli la mano”.

Robinson annunciò la scorsa settimana di farsi da parte dal ruolo di primo ministro per sei settimane per ripulire il proprio nome delle denunce riguardanti la condotta finanziaria di sua moglie Iris.

Ha affermato anche che McGuinness “è stato molto gentile con me, inviandomi messaggi sul telefonino, quindi lasciandomi messaggi vocali e poi parlandomi in privato delle questioni”.

Il DUP e lo Sinn Fein hanno tenuto negli ultimi giorni intensivi colloqui a Stormont riguardo al trasferimento dei poteri su polizia e giustizia da Londra a Belfast.

Questi incontri proseguiranno lunedì.

Durante il processo di pace nordirlandesi, le strette di mano tra oppositori politici sono stati visti come altamente simbolici.

Mentre la relazione tra Ian Paisley, predecessore di Robinson, e McGuinness sono stati visti come più calorosi, Paisley ha raccontato di non aver mai stretto la mano al suo vice.