Comunicato di Des Dalton, presidente del Republican Sinn Fein

Con l’ardore dei convertiti politici, lo Sinn Fein non può aspettare ad amministrare la polizia e la giustizia britannica in Irlanda.

Appena indossano le uniformi e portano le armi dei nemici di un tempo, si può veramente dire che “i cacciatori di frodo sono diventati guardiacaccia”.

Quando i nuovi “Broy Harriers”(1) scenderanno nelle strade sotto la direzione dei Provos si può dire accuratamente che la storia ripete sé stessa.

Mentre il dominio britannico arriva tra la gente comune nelle Sei Contee, l’imperialismo britannico si aggiorna per sembrare più accettabile. Comunque la storia ci insegna che verrà contrastato ancora una volta.

(1) Nell’Agosto 1933, allo scopo di contrastare la minaccia golpista delle Camicie Azzurre (Blueshirts) del generale O’Duffy, che si ritenevano sostenute da settori della polizia e dell’esercito del Free State, il nuovo Governo di De Valera dovette fare appello all’IRA per reclutare nel giro di una notte alcune centinaia di ‘poliziotti supplementari’ dalle file della Brigata IRA di Dublino. Negli anni successivi la nuova squadra politica della polizia, costituita dai nuovi membri così reclutati, represse le Camicie Azzurre consolidando il Governo De Valera; ma dal 1935 essi intrapresero la repressione (particolarmente feroce durante la Seconda Guerra Mondiale) dei loro vecchi compagni repubblicani. Comandati dal colonnello Ned Broy, venne dato loro il nomignolo di ‘Broy Harriers’, dal nome di una particolare muta di cani da caccia.