Sabato 8 ottobre 2011, alle ore 10:30, ci sarà un raduno davanti all’ambasciata britannica in via XX Settembre a Roma. Il sit-in si svolgerà in concomitanza con altri in
diverse nazioni (Germania, Austria, Francia, Svezia, Olanda).
Obiettivo della picchetto è protestare contro l’internamento dei prigionieri politici irlandesi, le vergognose condizioni alle quali debbono sottostare i detenuti
nel carcere di Maghaberry e la detenzione di Martin Corey e di Marian Price.

Sono graditi striscioni, volantini e bandiere irlandesi. Si prega di evitare l’esposizione di simboli di partiti politici.

Ecco il comunicato rilasciato dal Republican Sinn Fein, International Relations Bureau.

Status politico per i prigionieri irlandesi!

Fine dell’internamento. Liberi Martin Corey e Marian Price!

Republican Sinn Fein holds 'White Line Protest' to support prisonersL’8 ottobre 2011, in diverse nazioni, avrà luogo un giorno di azione in difesa dei prigionieri politici irlandesi. Le manifestazioni si terranno con picchetti, volantinaggi, striscioni e dipinti.
Noi, sostenitori esteri, desideriamo così esprimere la nostra solidarietà ai compagni repubblicani in Irlanda e la nostra ostilità per l’imperialismo inglese.

Poco si conosce in merito ma in Irlanda, nel 2011, esiste ancora una resistenza rivoluzionaria democratica contro la divisione del nostro paese e contro il dominio politico britannico. La battaglia repubblicana irlandese continua contro ogni circostanza avversa. Nell’entità coloniale del 6-counties occupato nel nord dell’Irlanda, l’occupazione britannica è combattuta e la falsa pace è sfidata, come lo status quo conservativo nella nuova entità coloniale del Free State nel sud.

L’unica risposta alla macchina dello stato britannico a questa resistenza è l’incremento della repressione.

I prigionieri politici sono incarcerati a tempo indeterminato e senza alcuna ragione. Martin Corey e Marian Price, attivisti repubblicani arrestati negli anni ’70 e successivamente rilasciati, sono ora di nuovo tenuti in carcere perché non hanno rinnegato i loro ideali politici. Questa vendetta del potere coloniale è usata come una spada di Damocle per minacciare i centinaia di prigionieri di guerra che vorrebbero portare avanti le proprie idee politiche. Martin Corey e Marian Price sono tenuti come ostaggi per impressionare e spaventare gli attivisti politici. Questo non è altro che la reintroduzione dell’internamento.

Noi chiediamo il rilascio immediato di Martin Corey e di Marian Price! Noi chiediamo la fine dell’internamento!

I prigionieri di guerra irlandesi sono anche vittime di maltrattamenti perpetrati dalle autorità del carcere di Maghaberry, attuati sotto la supervisione del dominio politico britannico e delle marionette che lo rappresentano a Stormont. In condizioni molto dure, essi combattono oggi la loro battaglia per il riconoscimento dello status politico, vinta dagli uomini del 1981, ma cancellata dai loro compagni con l’accordo del 1998. Essi sono stati traditi dal regime carcerario dopo una prima protesta ma con il supporto dei repubblicani fuori dalle carceri, continuano la loro battaglia. Come le generazioni precedenti nei Blocchi H, resistono alla criminalizzazione e alle brutalità con i soli scudi che possiedono: la volontà e il loro corpo.

I repubblicani irlandesi non sono criminali ma liberi combattenti e rivoluzionari!

Noi esprimiamo tutto il nostro disgusto per i sadici maltrattamenti perpetrati dal regime carcerario di Maghaberry e la nostra rabbia per i loro burattinai che siedono a Westminster e Stormont.

Noi chiediamo la completa attuazione dell’accordo firmato nell’agosto 2010 e la reintroduzione dello status politico di prigionieri di guerra!

La lotta per la libertà irlandese e contro l’imperialismo prosegue e dovrebbe essere supportata da tutte le persone oneste del mondo.

Noi onoriamo la battaglia dei prigionieri repubblicani che si sta tenendo nelle carceri di Maghaberry, Portlaoise e in Lituania e promettiamo il nostro totale supporto.

Vittoria alla battaglia repubblicana irlandese, dentro e fuori le carceri!

Republican Sinn Féin
International Relations Bureau

Sinn Féin Poblachtach Gnóthaí
Idirnáisiúnta

Massimiliano Vitelli – Republican Sinn Fein, portavoce per l’Italia
E-mail: rsf-roma@email.it – Cell. +39.349.23.04.936