Martin McGuinness ha detto di essere pronto ad incontrare tutti i capi di Stato “senza eccezione”, se venisse eletto Presidente d’Irlanda

Martin McGuinnessLo Sinn Fein ha annunciato venerdì di sostenere l’attuale vice primo ministro nordirlandese per ricoprire tale ruolo.

Quando a maggio la Regina Elisabetta è giunta in Irlanda per la prima visita ufficiale, lo Sinn Fein non prese parte alle cerimonie ufficiali.

McGuinness si è già assicurato il necessario sostegno dei parlamentari indipendenti per presentare la propria candidatura.

Ad appoggiare McGuinness sono stati Finian McGrath, Luke Flanagan, Michael Healy-Rae e Tom Fleming.

L’esecutivo del partito dovrebbe annunciare ufficialmente oggi la candidatura di Martin McGuinness.

Di ritorno da un viaggio negli Stati Uniti, sabato McGuinness ha detto a BBC di aver ponderato attentamente la propria decisione e spera di non essere un candidato che divide la popolazione.

Gli è stato chiesto come gestirebbe un’altra visita dei reali inglesi in Irlanda, considerando la posizione del partito riguardo al primo viaggio della Regina Elisabetta.

Ha risposto: “Se la popolazione d’Irlanda decide che dovrei essere il presidente, le mie responsabilità ed i miei obblighi sarebbero di incontrare i capi di Stato di tutto il mondo e lo farei senza alcuna esclusione. Questa sarebbe la mia posizione”.

Giudizio

Ha aggiunto di essersi considerato come parte di una nuova atmosfera nel paese e che la gente d’Irlanda ha “più buon senso” di quanto illustrato dai mezzi di comunicazione ostili.

“La gente d’irlanda ha osservato il progresso politico di cui Gerry Adams ed io siamo stati protagonisti per molti anni”, ha spiegato McGuinness.

“Penso preferirei il loro giudizio rispetto a quello dei mezzi di comunicazione, che stanno lavorando solo per fare titoli roboanti”.

Ex comandante dell’IRA, Martin McGuinness è stato vice primo ministro nell’Esecutivo di Stormont dal 2007.

Mentre dovrà affrontare importanti analisi del suo passato paramilitare, i suoi colleghi di partito ritengono che il suo alto profilo durante il processo di pace dovrebbe aiutarlo ad ottenere voti.

Nel 2011 il partito di Falls Road ha conquistato 14 seggi nel parlamento irlandese – la migliore prestazione elettorale nell’era moderna.

Per le elezioni presidenziali di ottobre hanno già presentato la propria candidatura Gay Mitchell per il Fine Gael, la direttrice del Comitato Paralimpico per l’Europa e l’Eurasia Mary Davis, l’uomo d’affari Sean Gallagher e Michael D Higgins del partito Laburista.