Peschereccio

Peschereccio

Il peschereccio italiano “Valeria prima” è stato sequestrato dalle autorità libiche perché sostava da una decina di giorni a 35 miglia dalla costa africana.

“Nessun maltrattamento nei confronti dell’equipaggio”, ha riferito il comandante del peschereccio di Mazara del Vallo, Nicola Asaro.

Secondo il comandante i pescatori, 4 italiani e due tunisini, sono stati fatti scendere a Tripoli con le armi puntate contro e costretti a pernottare in una stanza di 5 metri quadrati.

Il peschereccio è fornito di un’abilitazione che gli consente la pesca nel Mediterraneo.

Questa mattina i pescatori sono stati liberati. L’ambasciata italiana a Tripoli si è attivata per incontrare l’equipaggio ed avere delucidazioni su quanto accaduto.