Un nuovo gruppo repubblicano ha emanato una sinistra minaccia contro chiunque sarà coinvolto nello spaccio di droga.

Mentre gli architetti dell’Accordo del Venerdì Santo si sono riuniti a Belfast per commemorare il ventennale degli accordi di pace che aiutarono a far cessare le quotidiane violenze, una dichiarazione ed una fotografia passati all’Irish News mostrano degli uomini pesantemente armati, membri di un’organizzazione che si fa chiamare “Irish Republican Movement” (IRM).

L’organizzazione sarebbe composta da ex appartenenti a Oglaigh na hEireann, che a inizio anno aveva dichiarato la fine di tutte le attività armate.

Con base a Belfast e in West Tyrone l’organizzazione ha accesso a fucili automatici e altre armi.

In una dichiarazione il gruppo ha affermato che “proteggerà” la propria appartenenza e che chiunque sia coinvolto nel commercio e spaccio di droga deve “cessare immediatamente” tale crimine perché “la pena è la morte” per chiunque sarà scoperto a vendere droga nelle comunità nazionaliste.

Hanno avvertito anche i ladri e gli altri criminali generici dicendo “di non illudersi” perché IRM darà seguito alla propria minaccia.

Mentre il gruppo sembra paventare attacchi contro membri della propria comunità, nella dichiarazione si fa riferimento agli eventi di Lurgan e Derry, quando la PSNI ha arrestato e accusato diverse persone connesse alle commemorazioni repubblicane.

Irish Republican Movement fa sapere che “avranno come obiettivo le forze della Corona” coinvolte nelle operazioni di polizia contro gli eventi commemorativi dei repubblicani.

A gennaio Oglaigh na hEireann aveva “sospeso tutte le azioni armate contro lo stato britannico” con effetto immediato perché “al momento l’ambiente non è favorevole ad un conflitto armato”, aggiungeva la dichiarazione.

Mentre l’organizzazione afferma che la mossa era stata fatta dopo una vasta consultazione con i propri membri, l’Irish News ha compreso che alcuni repubblicani di Belfast e West Tyrone non erano favorevoli alla decisione e hanno creato la fazione di Irish Republican Movement.

La numero due di SDLP e parlamentare per North Belfast, Nichola Mallon, ha condannato la dichiarazione di IRM.

“I paramilitari non sono interessati a fornire soluzioni ai crescenti problemi di droga nella nostra comunità.

“Sono solo interessati a sfruttare questo problema per portare avanti la loro agenda personale. I vigilantes incappucciati sono un flagello per la nostra società quanto i trafficanti di droga”, ha affermato la parlamentare.