ETA | Euskadi Ta AskatasunaCommentando il secondo comunicato di Euskadi Ta Askatasuna in 15 giorni, il parlamentare Gerry Kelly afferma:

“Il fatto che vi sia stata una seconda dichiarazione deve essere accolto favorevolmente. Il dibattito e la concentrazione su un nuovo processo di pace tiene aperta questa strada necessaria.

“Non sono affatto sorpreso dalla diffidenza e dalla cautela espressa su quanto è stato affermato. Questa è stata anche l’esperienza irlandese. La fiducia può attendere. Ciò che non aspetta è lo slancio.

“Non c’è la minima indicazione che Madrid coglierà l’attimo. Questa era la nostra esperienza con Londra, che cercava anche di mantenere un status quo inaccettabile. Nel nostro caso, il compito di creare slancio e di superare la resistenza è rimasto a grandi linee con la leadership repubblicana irlandese e di altri che hanno cercato di cambiare lo status quo.

“Le opportunità, abbiamo scoperto, non si fermano; passano. Chiaramente i firmatari della dichiarazione di Bruxelles e gli altri sostengono una dinamica di cambiamento e hanno prestato il loro nome a questo tentativo di realizzare un processo (di pace). E soprattutto, come abbiamo visto in Irlanda, l’annullamento delle azioni armate mette un’onerosa e profonda responsabilità politica per la leadership e agli attivisti di cogliere l’opportunità offerta e generare più slancio per portare avanti il progetto “.