Disordini lealisti alla City Hall di Belfast

Otto persone, tra cui cinque poliziotti, sono rimasti feriti nei disordini scoppiati dopo l’approvazione della mozione che prevede l’esposizione della Union Jack sulla City Hall solo in determinati giorni dell’anno

Due degli agenti feriti sono stati ricoverati in ospedale. Due addetti alla sicurezza presso il municipio sono stati feriti.

Anche un fotografo della Press Association ha subito una lesione.

Una grande folla di lealisti si sono riuniti anche in Albertbridge Road a East Belfast nel corso della serata.

In un comunicato emesso in tarda serata, la polizia fa sapere che “la folla si è dispersa sia alla City Hall che nella zona di Newtownards Road”.

“Ulteriori risorse della PSNI sono state impiegate e la polizia continua a gestire i disordini” aggiunge il portavoce della polizia.

Oltre mille persone si sono radunate all’esterno del municipio di Belfast per protestare prima della riunione del Consiglio comunale.

I disordini sono iniziati dopo che i manifestanti hanno cercato di accedere ai terreni della City Hall attraverso i cancelli posteriori, subito dopo il voto.

Alcune finestre del municipio sono state infrante e sarebbero state danneggiate alcune automobili presenti in zona.

Sharon O’Neill, reporter di Utv, ha scritto su Twitter:

La bandiera dell’Unione ha sventolato sull’edificio ininterrottamente per oltre un secolo.

La mozione presentata dall’Alliance Party a sostegno dell’esposizione dell’Union Jack per soli 17 giorni è stata approvata con 29 voti a favore e 21 contrari.

Il leader del partito David Ford ha descritto il risultato come “una netta vittoria per Alliance Party”.

La mossa porta la Belfast City Hall in linea con Stormont e gli altri edifici governativi.

L’approvazione giunge dopo che il mese scorso il comitato Risorse Strategiche e Politiche aveva approvato per 11 a 9 la completa rimozione della bandiere – una mossa sostenuta anche da Sinn Fein e SDLP.

I politici unionisti non hanno appoggiato tali proposte.

La consigliera dell’Alliance Party, Laura McNamee, ha condannato le scene violente seguite al voto di lunedì.

“Riconosciamo il diritto di chiunque a una protesta pacifica, ma ciò che ha avuto luogo fuori dalla Belfast City Hall questa sera non è stato né sereno né rispettoso. Ciò è stato dimostrato quando un certo numero di manifestanti hanno spintonato la polizia e hanno invaso il municipio”.

Jim McVeigh, Sinn Fein, ha affermato: “Purtroppo sembra che la polizia non fosse preparata alla minaccia.

“Le persone che hanno radunato questa gentaglia, questi teppisti, in strada devono assumersi la responsabilità e alcuni di loro sono nella City Hall”, prosegue il consigliere.

McVeigh ha aggiunto che i politici in questione dovrebbero condannare la violenza e “uscire e ragionare con queste persone”.

Il consigliere del DUP Alex Easton ha detto che la gente aveva bisogno di comprendere la frustrazione della comunità unionista per la rimozione della bandiera dell’Unione.

Ha aggiunto: “Condanniamo ogni violenza. Non sono cose che vogliamo vedere.

“Nessuno vuole vedere qualcuno che si fa male. Chiunque colpisca un’altra persona compie un gesto sbagliato e va condannato”.

Jim Rodgers dell’UUP non è sorpreso dallo scoppio dei disordini.

“C’è una vera rabbia”, ha detto. “Non posso tollerare la violenza, ma le persone non si rendono conto di quanto fortemente le persone in Irlanda del Nord sono interessate alla bandiera che sventola sul municipio”.

Tim Attwood, SDLP, ha detto che la violenza è “un oltraggio”.

“Questo è stato uno spettacolo terribile, con conseguente grave danno alla proprietà e, ancor più allarmante, ferite subite da chi ha cercato di mantenere al sicuro il municipio. I nostri pensieri vanno a chi è rimasto ferito.

“Ogni tentativo di violenza non può essere tollerato”, ha aggiunto.

Ci sono state ripercussioni per il traffico sia in centro che a East Belfast.

Violenza alla City Hall