I rappresentanti eletti di ogni partito dell’arco costituzionale di Derry chiedono unitariamente ai repubblicani di terminare nel 2011 la loro campagna armata

Derry | Hands across the divideIn un passo inusuale, i politici di SDLP, Sinn Féin, DUP, UUP, e Alliance Party hanno rilasciato una dichiarazione congiunta che invita i vari gruppi armati attivi nella città a deporre le armi.

I politici hanno detto che il compito principale di quest’anno è costruire una città migliore. “Come leader politici della città, vediamo un futuro in cui ci sia un ruolo per tutti coloro che vogliono dare un contributo positivo per rendere questo un posto migliore”, hanno detto.

In un appello diretto ai repubblicani, i leader hanno dichiarato: “Stiamo facendo un appello sincero e profondo diretto a coloro che utilizzano o sostengono l’uso della violenza affinché mettano via le armi e si uniscano a noi nel fare una città migliore per tutti.

“Questo non vuole opporsi al diritto delle persone a perseguire obiettivi politici differenti e diversificati. Tuttavia, tali obiettivi devono essere raggiunti con mezzi pacifici e democratici. Ogni attacco contro qualsiasi parte della città e della regione o nei confronti di qualsiasi persona o abitanti nella città o provenienti da questa zona è un attacco contro gli interessi di tutti e contro il benessere futuro di questa città e della sua gente”.

Hanno inoltre fatto appello a tutti affinché sia possibile lavorare insieme nel prossimo anno. “A prescindere dalle differenze politiche, il 2011 sarà l’anno in cui ci impegneremo a lavorare insieme verso una nuova era di speranza e prosperità per il futuro. Invitiamo tutti i cittadini a collaborare con noi per creare le condizioni per una vita condivisa in questa città culturalmente vivace” dice la nota.

I politici anche detto che la cooperazione tra tutte le tradizioni della città aiuteranno a combattare gli svantaggi.

“In questo 2011 noi, come rappresentanti politici di questa città, ci adopereremo per un futuro positivo per gli interessi comuni, le speranze e le aspirazioni degli abitanti. Lavoreremo con gli altri per costruire una leadership civica che ci porta lontano dalle divisioni del passato verso una nuova era di cooperazione, rispetto reciproco, speranza e prosperità per tutte le generazioni future. Lavoreremo insieme per affrontare i bisogni dei soggetti più socialmente svantaggiati ed i più poveri nella nostra città e nella regione” hanno concluso i politici.