Un giudice ha avvertito che qualsiasi ulteriore ritardo nel caso contro il repubblicano Henry Fitzsimmons, detenuto in custodia da due anni con l’accusa di aver cercato di assassinare un poliziotto, non sarà più tollerato.

L’ultimo tentativo di Henry Fitzsimons per assicurarsi il rilascio con la condizionale dall’Alta Corte sarà riesaminato il mese prossimo dopo che un analista vocale testimonierà in un’audizione separata per stabilire se ci sono prove sufficienti per avviare un processo.

Aggiornando l’udienza il giudice Gordon Kerr ha avvisato i rappresentanti dell’accusa delle potenziali conseguenze se le prove del perito venissero respinte.

Ha detto il giudice: “Se l’indagine preliminare non verrà completata in questa occasione è molto probabile che vi troverete in una posizione in cui il ritardo è troppo esteso e non potrà essere tollerato”.

Henry Fitzsimons, 47 anni, è accusato di aver cospirato insieme ai co-imputati Colin Duffy e Alex McCrory di uccidere membri delle forze di sicurezza.

Le altre accuse contro Fitzsimons includono il tentato omicidio di membri della PSNI, cospirazione per possesso di armi da fuoco ed esplosivi, favoreggiamento per il possesso di un’arma da fuoco e di appartenenza ad un’organizzazione proscritta – l’Irish Republican Army.

Henry Fitzsimons fu arrestato dopo che una Land Rover della polizia e altri due veicoli sono finiti sotto il fuoco di proiettili mentre transitavano in Crumlin Road nel dicembre 2013.

Due fucili AK47 e 14 bossoli sono stati recuperati insieme al taxi incendiato che gli uomini armati hanno utilizzato per la loro fuga.

Fitzsimons, di senza fissa dimora, è stato successivamente arrestato insieme a Colin Duffy, 46 anni di Lurgan, e a Alex McCrory, 53 anni di Belfast.

I procuratori sostengono che i tre uomini sono stati registrati in segreto mentre si incontrano nel parco di una grande casa vicino all’abitazione di Colin Duffy il giorno seguente alla sparatoria.

È stato affermato che i tre repubblicani parlavano delle attività dell’IRA, dell’orientamento futuro, delle finanze e della quantità di armi e Semtex a disposizione dell’organizzazione.

È stato riferito in aula che la discussione avrebbe riguardato anche l’attacco di Crumlin Road, la perdita dei due AK47, l’incendio della macchina utilizzata per la fuga e se gli uomini armati potevano essere riconosciuti.

Durante l’incontro sarebbe anche stato dichiarato che, in futuro, le uniche operazioni approvate sarebbero state quelle con un’alta probabilità “di uccidere qualcuno” o almeno fare danni.

La nuova richiesta di Henry Fitzsimons per il rilascio con la condizionale è incentrato sulla lunghezza del tempo impiegato per arrivare ad un eventuale rinvio a giudizio.

Gli avvocati della difesa hanno precedentemente sostenuto che il pericolo era di trasformare il fermo in detenzione senza processo.

L’indagine preliminare per testare la fattibilità del processo contro i tre accusati sta continuando presso il tribunale di Belfast.

L’esperto di riconoscimento vocale, considerato fondamentale per l’accusa, sarà chiamato a deporre all’inizio del mese prossimo.

Su questa base il giudice Kerr ha deciso di rinviare l’udienza fino al completamento di tale procedimento.