La sentenza è stata preannunciata nell’appello presentato da quattro repubblicani citati con successo in giudizio da alcuni parenti delle vittime della bomba di Omagh

Effetti dello scoppio

Gli avvocati dei quattro repubblicani hanno esposto i loro casi nel corso di una audizione di tre settimane davanti a tre giudici presso la Corte d’Appello di Belfast.

I giudici si sono impegnati a consegnare i loro verdetto dopo che avranno vagliato con attenzione tutto il materiale.

Ventinove persone furono uccise durante l’attacco della Real IRA il 15 agosto 1998.

Tra di essi una donna incinta di due gemelli.

I quattro uomini ritenuti responsabili per la bomba, in una sentenza storica pronunciata nel giugno 2009, sono Michael McKevitt, Liam Campbell, Colm Murphy e Seamus Daly.

Ai dodici parenti di alcune delle vittime della bomba di Omagh che hanno avanzato la causa civile sono stati assegnati in totale circa 2 milioni di euro di risarcimento.

I legali dei parenti delle vittime stanno portando avanti un appello riguardo al livello di risarcimento, perché, secondo loro, devono ricevere più soldi a causa della portata dell’indignazione sollevata.

Il giudice Higgins, insieme ai colleghi Girvan e Coghlin, ha dichiarato: “Ho il sospetto che sia i miei colleghi che io, quando abbiamo fissato il calendario (delle udienze), avevamo una scarsa comprensione circa la portata delle formalità e le questioni sollevate in questo caso.

“L’appello ha dato luogo a un numero considerevole di questioni che ci richiedono di considerare e riflettere. Poi daremo il nostro giudizio a tempo debito”.