Ardoyne, North BelfastUn gruppo che si occupa delle parate lealiste ha avvertito, ieri sera, che non fornirà il servizio d’ordine alla controversa parata del 12 luglio in uno dei flashpoint più caldi di North Belfast.

Negli ultimi anni l’incessante dialogo tra i residenti nazionalisti ed il North & West Belfast Parade Forum (NWBFP) ha prevenuto gravi violenze durante il passaggio da Ardoyne delle marce lealiste.
Il processo era stato elogiato come possibile modello per altre parate cntroverse.

Comunque, quel processo pare essersi interrorro la scorsa notte, con il portavoce del NWBPF Tommy Cheevers che ha accusato i residenti di Ardoyne di “chiudere un occhio” agli attacchi contro le parate.

“Siamo stati messi all’angolo dai repubblicani che hanno ripetutamente fallito nel gestire correttamente le loro cosiddette proteste pacifiche per fermare gli attacchi alle nostra parate”, ha detto.

“Non siamo pronti a sopportare oltre”.

Cheevers ha chiesto una completa protezione da parte della polizia quando la parata attraverserà Ardoyne lunedì sera.

“Gerry Kelly ha dichiarato che siamo stati attaccati da pochi dissidenti ma crediamo che i repubblicani mainstream (che seguono la corrente principale, NdT) si nascondano dietro a questo paravento per convenienza”, ha proseguito Cheevers.

“Non vogliamo diventare i capri espiatori per i vari gruppi repubblicani che cercano di superarsi l’un l’altro.

“Crediamo che i costanti attacchi alle nostre parate dimostrino che i poteri legati alla sicurezza ed alla giustizia non dovrebbero essere trasferiti nel prossimo futuro”.

Senza gli steward lealisti non è chiaro se la polizia interverrà con gli agenti in divisa antisommossa per permettere alla parata di attraversare Ardoyne.

Negli ultimi anni i sostenitori lealisti sono stati trasportati su autobus attraverso la calda interfaccia.

Comunque Cheevers ha affermato che i lealisti non intendono salire sugli autobus lunedì sera, ma attraversare Ardoyne dopo il transito della parata.

“La Commissione Parate ha detto che 30 sostenitori potranno accompagnare le logge e le bande“, ha affermato.

“Ciò che accadrà con il resto della gente che intende tornare a casa lungo Crumlin Road non è possibile prevederlo.

“Ci hanno detto che Crumlin Road verrà riaperta appena la parata passerà Hesketh Avenue.

“Crediamo che qualsiasi sostenitore che si comporta bene dovrebbe avere la possibilità di percorrere Crumlin Road”.

Comunque Pat McLarnon, portavoce dell’Ardoyne Parades Dialogue Group, ha descritto la decisione di ritirare il servizio d’ordine lealista come “la ricetta per il disasteo”.

“I sostenitori lealisti, molti dei quali estremamente ubriachi, sono stati la principale fonte di problemi negli ultii anni”, ha fatto sapere.

“Sono stati guidati da paramilitari lealisti molto noti e hanno agito in maniera provocatoria e intimidatoria, provocando i residenti con le bandiere dell’UDA e UVF.

“Caricarli sugli autobus per fargli attraversare l’area è la più sensibile e sicura opzione.

“Siamo preoccupati per il rifiuto di utilizzare i bus e ci sembrano intenzionati a giungere ad un punto morto fino a quando gli venga permesso di tenere un comportamento provocatorio lungo Crumlin Road”.