Un ex direttore dell’intelligence IRA ha detto che fornirà testimonianza alla nuova inchiesta sulle bombe di Birmingham se riceverà l’assicurazione che non verrà incriminato

L’avvocato Kieran Conway, che non ebbe alcun ruolo nelle esplosioni ai pub di Birmingham ma apprese in seguito varie informazioni, ha detto che potrebbe spostarsi in Inghilterra se le autorità acconsentiranno a non arrestarlo per la sua precedente appartenenza all’IRA.

Conway ha rivelato che è pronto a fornire testimonianza in collegamento video da Dublino, dove vive e lavora.

L’inchiesta per le bombe che provocarono 21 vittime e 182 feriti è stata riaperta dopo le accuse che la polizia non agì sebbene avesse ricevuto avvertimenti anticipati per l’attaco del novembre 1976.

Kieran Conway ha detto al Belfast Telegraph: “Sono disposto ad andare in Inghilterra se mi diranno in modo informale che non sarò arrestato e processato per la vecchia adesione all’IRA come è avvenuto per Ivor Bell a Belfast.

“Sono contento che le famiglie Birmingham abbiano ottenuto una nuova inchiesta, ma termo che non avranno alcun conforto.

“Loro vogliono comprensibilmente che qualcuno vada in prigione ma non credo avverrà, perché non ci sono prove.

“Non sono stato coinvolto negli attentati in alcun modo e ho inserito qualsiasi informazione appresa in seguito sulla vicenda nel mio libro, Southside Provisional, uscito due anni fa. Quindi tutto quello che so è di dominio pubblico.

“L’unica parte che manca è il nome del secondo uomo che interrogò l’Officer Commanding dell’IRA in Inghilterra”.

Kieran Conway ha detto di non aver fatto il nome dell’uomo perché è ancora vivo ma non era comunque fondamentale nel caso. L’altra persona coinvolta nell’interrogatorio interno dell’IRA fu Daithi O Conaill, Chief of Staff (Capo di Stato Maggiore), morto nel 1991.

Conway, che fu imprigionato per possesso di armi in Irlanda del Nord negli anni Settanta, ha lasciato l’IRA molti anni fa.

I membri del gruppo antiterrorismo per West Midlands si sono recati a inizio anno a Dublino per incontrare l’avvocato. Hanno presentato una lista di domande che sono state fatte a Conway dalla polizia irlandese.

Kevin Conway ha accettato la loro richiesta per un secondo incontro. Ha fatto sapere che molti degli attentatori vivevano nella Repubblica ed i loro nomi sono ben noti.

“L’unico modo per condannare queste persone è che uno o più di loro si rechino in una stazione di polizia e confessino il coinvolgimento negli attentati, ma questo non accadrà” ha aggiunto.

Conway ha chiesto un’indagine “guidata dal giudice più anziano e brillante che si possa trovane nella Corte Suprema”.

“Il giudice deve avere pieni poteri per valutare testimoni e documenti” ha proseguito.

“Questo è il minimo che lo Stato può fare per le famiglie, dopo tutto quello che hanno sofferto”.

Kevin Conway ha sostenuto che i servizi di sicurezza britannici erano stati avvisati da un informatore degli attacchi esplosivi, dando la possibilità di prevenire l’atrocità.

Ha detto che vorrebbe scusarsi per l’attacco.

“So che le mie scuse sono di scarsa utilità per le famiglie”, ha dichiarato, “ma voglio chiedere comunque scusa perché gli ex membri dell’IRA hanno una responsabilità morale collettiva per quello che l’IRA ha fatto.

“Credo che Birmingham sia stata la peggiore atrocità commessa dall’IRA e non ho alcuna esitazione nel dire che mi vergogno profondamente.

“Non era legittimo colpire in quel modo i civili”.

Kieran Conway, al centroEsplosioni a BirminghamKieran Conway oggi