Colin Duffy liberoLa polizia hanno respinto le argomentazioni di Colin Duffy, secondo cui gli agenti avrebbero lasciato il suo DNA nella macchina usata per la fuga dopo l’attacco di Massereene Barracks.

In un comunicato diffuso nel fine settimana il prominente repubblicano, giudicato non colpevole per la morte dei genieri Patrick Azimkar e Mark Quinsey, ha descritto le accuse contro di lui come spurie.

Il suo co-imputato Shivers Brian è stato condannato per l’attacco compiuto dalla Real IRA ad Antrrim nel marzo 2009.

“Sono fermamente convinto che il mio DNA si trovava lì perché ce l’hanno messo”, ha sentenziato Duffy.

“Non sono mai stato in quella macchina.

“Affermo categoricamente di non essere coinvolto con quanto avvenuto a Massereene, in alcun modo, e questo è stato stabilito in tribunale perché non c’erano prove credibili a suggerire il contrario”. Ieri (il 22 gennaio, Ndt) un portavoce della PSNI ha sottolineato i risultati evidenziati dal giudice Anthony Hart.

“La questione del DNA e su come è arrivato nell’auto è stata pienamente esplorata durtante il processo e viene illustrato nella sentenza,” ha detto.

Il giudice Hart ha respinto l’idea che il DNA fosse stato posizionato dagli investigatori.

Il giudice ha detto: “Se si fosse voluto mettere insieme tali elementi di prova inserendo il DNA sulla punta del guanto in lattice, perché non posizionare il DNA sul vaso trovato nel vano portaoggetti e/o sulle pallottole lì contenute, in modo da costruire un caso più forte e potenzialmente inconfutabile sul coinvolgimento di Duffy con quelle pistole, e quindi con l’attacco stesso?”

Colin Duffy – dichiarato innocente per la terza volta in altrettanti processi per la morte di membri delle forze di sicurezza – ha anche detto di essere “felice” di essere chiamato «dissidente repubblicano».

Ma ha detto di non aver domande a cui rispondere.

“Non ho bisogno di rispondere alle prove spurie o alle cosiddette prove che stavano presentando al processo,” ha proseguito.

“La decisione di non testimoniare è stata una decisione che abbiamo preso sulla base del mio punto di vista giuridico sull’andamento del caso”.

Il giudice Hart si era riferito alla decisione di Duffy di non salire sul banco dei testimoni dicendo: “Sono soddisfatto che l’unica spiegazione ragionevole per il suo silenzio è che (Duffy) non ha una risposta, o non ha una risposta che avrebbe resistito ad un interrogatorio, sulla presenza del suo DNA sulla punta del guanto in lattice e sulle fibbie delle cinture di sicurezza”.

Brian Shivers, disoccupato a causa della sua malattia – fibrosi cistica – e fidanzato con una donna protestante, è stato condannato all’ergastolo.

I genieri Patrick Azimkar, 21 anni di Londra, e Mark Quinsey, 23 anni di Birmingham, furono uccisi mentre ritiravano una consegna di pizza all’esterno della caserma dell’esercito Massereene a Antrim.

Il gruppo repubblicano della Real IRA ha assunto la responsabilità per l’attacco.

Jaime Quinsey, che ha detto la morte di suo fratello Mark aveva devastato la sua famiglia, ha fatto un appello per il sostegno pubblico alle indagini in corso.

“Sappiamo che ci sono più persone coinvolte e vogliamo vederli condannati”, ha detto. “Vi preghiamo di aiutare la polizia prima che queste persone distruggano altre famiglie”.