La polizia è stata attaccata mentre interveniva in seguito alle denunce che parlavano di adolescenti intenti a danneggiare e lanciare pietre contro le autovetture a East Belfast.

I disordini sono iniziati nel pomeriggio di lunedì nella zona di Stewart Street.

Almeno due automobili sono state date alle fiamme, mentre sono stati infranti i finestrini di altre vetture al cui interno poi è stata lanciata della vernice.

Afferma la polizia: “Ci sono stati lanci di pietre, danni alle vetture parcheggiate e lancio di alcune bottiglie molotov.

“I residenti di Markets non vogliono questo genere di cose sull’uscio di casa e chiediamo a chiunque sia coinvolto in questo tipo di violenza e danneggiamento di fermarsi”.

La violenza è esplosa dopo che i lavoratori comunali hanno rimosso il materiale accatastato che doveva servire per il bonfire per l’anniversario dell’introduzione dell’internamento.

In un comunicato il Belfast City Council ha detto che nessuna vettura è stata danneggiata durante le operazioni di rimozione del materiale.

Deirdre Hargey, consigliere dello Sinn Féin per l’area, ha detto che “non è possibile difendere in alcun modo questo comportamento e va fermato”.

Ha aggiunto: “Il danneggiamento delle vettura in Stewart Street è inaccettabile e condanno i responsabili nella maniera più dura possibile.

“Sono stati danneggiati sia i pendolari che i residenti” ha proseguito la donna.

“Le auto sono state colpite con le pietre ed alcune sono state date alle fiamme. È semplice vandalismo insensato.

“Chiedo a tutti i genitori di prendersi la responsabilità dei propri figli e di sapere sempre dove si trovano.

“La comunità non vuole questo genere di comportamento e non è rappresentativo di chi abita in questa zona.

“La comunità, giovani e adulti insieme, è stata coinvolta in una positiva festa negli ultimi giorni e i responsabili di questi danneggiamenti gettano cattiva luce sulla buona reputazione di questa comunità”.

Molotov a East Belfast | @ PacemakerMolotov a East Belfast | @ Press EyeMolotov a East Belfast | @ Pacemaker