La Ritchie è stata scelta dallo SDLP per la posizione di ministro di Giustizia

Margaret Ritchie | SDLPI candidati per il nuovo ruolo dovevano essere annunciati venerdì, ma solo lo SDLP si è candidato per quel posto.

La data per le candidature era stata suggerita dal primo ministro e dal suo vice, coinvolti per mesi nel trasferimento dei poteri su giustizia e polizia.

Sia l’Alliance Party che l’UUP hanno espresso riserve sul posto.

L’Alliance, il cui leader David Ford era considerato il favorito per il ruolo di ministro, ha detto di non voler nominare un candidato fino a quando non ci saranno progressi nella politica sulla giustizia e una nuova strategia di relazioni comunitarie.

I membri dell’Ulster Unionist dovrebbero esprimere riserve sui passi fatti per trasferire i poteri sulla giustizia.

Il partito non avanzerà alcuna candidatura anche se si parlava del vice leader Danny Kennedy come eventuale scelta.

Né il DUP né lo Sinn Fein cercano di ottenere il posto, anche se gli shinner hanno detto che sosterranno il candidato SDLP.

In un comunicato rilasciato venerdì pomeriggio, lo SDLP ha annunciato che il leader Mark Durkan “ha scritto al primo ed al vice primo ministro per conto del partito, proponendo Margaret Ritchie per il posto di ministro della Giustizia.

“Durkan ha indicato la sua volontà di partecipare a ogni incontro dei leader di partito per raccomandare la nostra candidata agli altri partiti.

“Inoltre, lo SDLP nominerà il nostro candidato all’Assemblea, quando le candidature saranno presentate al punto attuale del trasferimento”.

Stallo continuato

Ritchie, attualmente ministro per lo Sviluppo Sociale, ha annunciato ad ottobre di voler correre per guidare lo SDLP, quando Mark Durkan lascerà il posto il prossimo anno.

Si dovrà confrontare con il numero due del partito, Alasdair McDonnell.

Ad oggi, non ci sono segnali di rottura dello stallo riguardo la data di trasferimento dei poteri da Londra a Belfast.

Ad inizio mese Martin McGuinness, Sinn Fein, ha avvisato che Stormont potrebbe affrontare “lo scoppio di una crisi” qualora entro Natale non si raggiungesse una data per il trasferimento.

Il vice primo ministro ha detto che se lo stallo continuerà, gli accordi sulla condivisione dei poteri diventeranno “non sostenibili”.

Ma il leader del DUP, e primo ministro, Peter Robinson ha respinto l’allarme, affermando che sarebbe follia “accettare una data scelta solo dallo Sinn Fein senza risolvere le questioni in sospeso”.

Il primo ministro ha ripetutamente parlato della necessità di “fiducia comunitaria” prima del trasferimento dei poteri.