I governi oggi hanno rilasciato dei documenti riguardanti la preoccupazione per la visita del Papa nel 1979.

I file segreti irlandesi e britannici mostrano l’alto livello di preoccupazione per la prospettiva di un viaggio del Papa a nord del confine, come anche le preoccupazioni su una proposta di amnistia per i detenuti in occasione della visita.

I documenti statali del 1979 sono stati rilasciati oggi a Dublino, Londra e Belfast, in base alla legge dei 30 ani.

Gettano una nuova luce su uno degli argomenti principali di quell’anno, la visita di Giovanni Paolo II, avvenuta a fine settembre.

In particolare, le carte mostrano la preoccupazione dei circoli ufficiali di Londra alla prospettiva di uno sconfinamento della visita in Irlanda del Nord.

Gli ufficiali avvertirono che non potevano garantire la sicurezza del Papa in Irlanda del Nord – e che la visita avrebbe potuto sfociare in violenze tra le comunità, distruggendo le speranze per la pace ed il progresso politico.

Nell’occasione, il Papa decise di non attraversare il confine.

I documenti rivelano anche i dettagli di un’amnistia per 76 prigionieri, rilasciati in occasione della visita papale.

Il governo di Jack Lynch era d’accordo a non rilasciare i prigionieri fino a quando il Papa non avesse abbandonato il Paese – altrimenti ci sarebbero state minacce di furti per tutte le case lasciate vuote dalle persone che partecipavano alle messe del Papa.