Il gruppo Oglaigh na hEireann stava pianificando di “spazzare via” con un mortaio un’automobile della polizia ed i suoi occupanti entro i prossimi 15 giorni

Oglaigh na hEireann, Ardoyne | © Andrea Aska VaracalliL’informazione è stata scoperta dal giornalista Brian Rowan, secondo cui lo scopo dell’attacco sarebbe la cessazione del normale sistema di polizia.

“Ciò che volevano era di causare una rivisitazione dell’intero sistema di sicurezza… e costringere la polizia a viaggiare nuovamente su veicoli blindati”, afferma Rowan.

ONH è responsabile di temibili attacchi contro le forze di sicurezza, compresa l’esplosione di un’autobomba all’esterno di Palace Barracks, a Holywood, sede del quartier generale dell’MI5.

Il gruppo ha anche ferito gravemente l’agente Peadar Heffron piazzando una bomba sotto alla sua vettura, colpendo con lo stesso sistema la compagna di un altro agente di polizia e cercando di colpire un maggiore dell’esercito inglese.

In un comunicato, la Federazione della Polizia afferma di essere “ben a conoscenza dell’incremento della minaccia, in particolare a North e West Belfast”.

Viene rivelato come nelle due zone di Belfast, da inizio anno, le armi da fuoco sono state utilizzate 12 volte mentre sono state fatte esplodere 11 bombe – rinforzando il bisogno di nuove forze di polizia.

Mentre l’ultimo attacco è stato pianificato ed in seguito abortito – perché l’auto della polizia non è giunta sulla scena – dimostra ancora una volta l’obiettivo di colpire duramente le forze di sicurezza nordirlandesi.