IRA membersLe nuove apparizioni di posti di blocco paramilitari sulle strade del Nordirlanda sono state definite sinistre e indesiderate.

Uomini armati e a volto coperto hanno fermato illegalmente alcune autovetture nella cittadina di Meigh, in South Armagh, zona conosciuta durante i Troubles come ‘Bandit Country’.

Agenti di polizia in perlustrazione nell’area – poco fuori la cittadina di Newry e a pochi chilometri dal confine – hanno rilevato l’attività sospetta e si sono ritirati per vedere cosa stava succedendo.

Si pensa che dietro ai posti di blocco ci siano le formazioni repubblicane desiderosi di imporsi nella cittadina nazionalista.

Il parlamentare Dominic Bradley, del partito nazionalista SDLP, ha riferito che gli uomini consegnavano agli automibilisti dei volantini.

“Era un tentativo di questo gruppo di rendersi importante”, ha affermato.

“Ma la maggior parte della gente di questa zona non tollera quel genere di attività. Non lo hanno fatto in passato e non inizieranno a farlo adesso”.

Nei volantini si avvertiva la popolazione di non collaborare con le polizie di entrambi i lati del confine. Né con il Police Service of Northern Ireland e né con la Garda.

Si chiede alla gente di non parlare con lo Sinn Fein o con i servizi segreti dell’MI5 e si leggono minacce contro chi ha comportamenti anti sociali e contro gli spacciatori, sempre secondo quanto riferito Bradley.

“Questo è uno sviluppo indesiderato e ci porta indietro ai giorni oscuri da cui la maggior parte delle persone si sono allontanate e che vogliono lasciare nel passato”, ha proseguito.

“La gente della zona non permetterà questo tipo di attività, che non è mai stata ben accolta, e che potrebbe impedire il raggiungimento di un futuro migliore.

“Chiedo a chiunque abbia informazioni su questo episodio di contattare la polizia, senza alcuna esitazione”.

Anche la polizia fa appello ai testimoni.