La barriera di metallo che ha separato per 20 anni cattolici e protestanti a North Belfast sta per essere riaperta

Interfaccia di Newington StreetNegli anni Ottanta la barriera serviva per impedire il traffico all’incrocio tra Limestone Road e Nwington Street. Fu eretta dopo gli scontri settari avvenuti nell’interfaccia.

Adesso resterà aperta dal lunedì al venerdì nelle ore diurne – dalle 7 alle 16 – per tre mesi. Dopo verrà valutato se mantenerla ancora aperta oppure tornare alla situazione originaria.

L’area abitata dalla classe operaia ha sofferto pesantemente durante i Troubles in Irlanda del Nord, con molte vittime in entrambe le comunità provocate dalla violenza paramilitare.

La banda di assassini lealisti degli Shankill Butchers proprio in zona cercava le sue vittime cattoliche, mentre nel 2001 nella vicina Ardoyne la scuola Holy Cross è finita sui notiziari di tutto il mondo quando le alunne cattoliche divennero bersaglio dei lealisti mentre percorrevano la strada per andare a lezione.

Ci sono ancora tensioni a North Belfast, dove si verificano ancora disordini spesso legate alle parate dell’Orange Order.

Il ministro della Giustizia David Ford ha detto che la riapertura della porta è l’ultimo di una serie di provvedimenti destinati a riunire le due comunità da troppo tempo divise.

“Il progresso nella rimozione delle barriere dipenderà dal sostegno della comunità e accolgo favorevolmente l’impegno delle persone nella zona di Newington che sono disposte a fare questo passo positivo”, ha detto il ministro dell’Alliance Party.

“Il Ministero della Giustizia si impegna a lavorare in collaborazione con le comunità locali che vogliono eliminare tali barriere e adottare misure per costruire un futuro condiviso”.

Ci sono quasi 90 barriere che separano i quartieri in tutta l’Irlanda del Nord, principalmente a Belfast.

L’International Fund for Ireland ha destinato più di 2 milioni di euro ad un programma per abbattare le divisioni fisiche e non fisiche, sostenendo le popolazioni da entrambi i lati delle peaceline.