Il giornale ha chiesto scusa in tribunale per aver accusato il parlamentare dello Sinn Fein Gerry Kelly di essere il numero uno dei Provisional IRA

Gerry Kelly, Sinn FeinGerry Kelly aveva portato il caso di fronte all’Alta Corte di Dublino.

Le scuse del giornale sono state lette in aula e Kelly avrebbe ricevuto un risarcimento di entità sconosciuta.

Il Sunday World indicava anche il politico shinner quale responsabile per la fine del cessate-il-fuoco dell’IRA avvenuta nel 1996.

Il giornale ha chiesto scusa per i due articoli, pubblicati nel 1996, in cui si suggeriva anche che Kelly aveva una relazione con la diplomatica statunitense Martha Pope per “ulteriori motivi”.

Nella dichiarazione letta in aula è stato affermato che “il Sunday World riconosce gli errori in entrambi gli articoli.

“Il Sunday World accetta che il signor Kelly ha svolto un ruolo importante nel far cessare la violenza in Irlanda del Nord e ha dato un contributo positivo e significativo al processo di pace.

“Il Sunday World chiede scusa a Gerry Kelly per il turbamento provocato dagli articoli”.

Parlando dopo il dibattimento, Kelly ha detto che il caso poteva concludersi molto prima.

“Questo caso poteva essere risolto 15 anni fa con le scuse del Sunday World, ma loro hanno agito in modo da tenere il caso lontano dal tribunale”; ha affermato.

“Ho sentito di dover agire per combattere la visione distorta di alcuni mezzi di comunicazione, secondo cui i repubblicani, ed in particolare gli ex prigionieri, sono un obiettivo semplice da colpire”.