La PSNI sta per lanciare un’importante operazione di sicurezza contro i repubblicani. Lo rivela una importante ufficiale di polizia

Posto di blocco PSNILa mossa di aumentare i posti di blocco e le pattuglie è conseguenza dell’esplosione avvenuta lunedì notte a Derry.

Lo scoppio è l’ultimo di una serie di attacchi portati dai repubblicani nel corso del 2010.

La polizia chiede pazienza alla popolazione mentre l’operazione di sicurezza sarà in corso.

Durante l’incontro di ottobre del Policing Board, la vice comandante della PSNI Judith Gillespie ha detto che potrebbero esserci disagi come risultato dell’operazione.

“Nei prossimi giorni vedrete un’incremento dell’attività di polizia in tutta l’Irlanda del Nord mentre continuiamo con i nostri sforzi per prevenire gravi pericoli e tenere le comunità al sicuro”, ha riferito la Gillespie ai membri del Board riuniti a Belfast.

Secondo l’ufficiale in qualche occasione l’attività della polizia potrebbe “causare ritardo o problemi alle persone mentre svolgono i propri affari”.

Tuttavia, spiega la Gillespie, la polizia cercherà di minimizzare l’impatto delle attività sulla gente normale e chiede alla popolazione di comprendere.

Vincent Kearney, corrispondente BBC, dice che i repubblicani hanno portato a termine 36 attacchi nel corso di quest’anno.

E’ la quantità maggiore di attacchi dall’inizio della campagna di violenza repubblicana.

Il livello di minaccia posto in essere dai repubblicani in Irlanda del Nord è stato classificato come “grave” da 18 mesi.

Lunedì due agenti di polizia sono rimasti lievemente feriti quando un’autobomba contenente 90 chilogrammi (20 libbre) di esplosivo è detonata vicino ad un albergo e ad una banca a Derry.

L’esplosione ha causato importanti danni ed il traffico è stato problematico per diversi giorni.