Peter Robinson | DUPPeter Robinson ha illustrato i piani per snellire il governo di Stormont.

Le proposte del primo ministro comporterebbero la riduzione del numero di parlamentari – da 108 a 75 – e del numero di ministeri – da 12 a 8.

Riconoscendo che qualsiasi riconfigurazione richiede un accordo tra tutti i partiti, Robinson ha affermato di aver chiesto ai ministri del DUP di analizzare tutti gli organismi sotto alla loro responsabilità per stabilire quali sono sacrificabili.

Ha spiegato le sue idee ad un evento della Federazione delle Piccole Imprese (Federation of Small Business) svoltosi presso la Belfast City Hall.

“Questa sera voglio spostare il dibattito in una maniera costruttiva e offrire questi spunti come contributo al dibattito e nella piena conoscenza che per essere approvati serve un accordo tra tutti i partiti”, ha affermato.

“Non pretendo che queste siano le risposte perfette o le uniche risposte, ma è importante inoziare da qualche parte”.

Mentre Robinson è da lungo tempo un fautore di un governo ridotto a Stormont, adesso ha svelato un set di proposte per ottenerlo.

In base ai piani del primo ministro, il ministero che adesso guida insieme al vice primo ministro Martin McGuinness diventerebbe l’Ufficio Esecutivo (Executive Office).

Gestirebbe le questioni esecutive ed avrebbe la responsabilità di molte delle funzioni intergovernative.

In aggiunta ci sarebbero 7 ministeri convenzionali:

  • Economia ed Imprese;
  • Educazione;
  • Salute e Servizi Sociali;
  • Sviluppo Regionale;
  • Giustizia;
  • Comunità e Assistenza Sociale;
  • Agricoltura, Ambiente e Sviluppo Rurale.

Video da Utv

[flv:/flv_video/ww_robinsonclip_07102010.flv 590 350]