PSNIDettagli personali di circa 87 agenti di polizia sono stati passati ai prigionieri del carcere nordirlandese di massima sicurezza di Maghaberry da un ex poliziotto a sua volta incarcerato.

Kyle Martin Jones, 27 anni, è accusato di aver consegnato le liste con i dettagli negli ultimi tre mesi, in cambio di caffè, sigarette e cibo.

L’ex agente, di Ballyclare, è condannato per rapina. È comparso in aula nel tribunale di Craigavon in base alla legge sul terrorismo, per aver raccolto informazioni che i terroristi potrebbero utilizzare.

Un investigatore ha raccontato al giudice distrettuale Alan White che i documenti contenenti esaustivi dettagli sugli ex colleghi di Jones all’interno della PSNI comprendevano nomi, relazioni familiari, veicoli utilizzati, stili di vita ed abitudini personali. Nelle liste c’erano sia poliziotti in servizio che in pensione.

Durante gli interrogatori di polizia, è stato riferito in aula, Jones ha ammesso di aver compilato gli elenchi ma ha spiegato di non aver avuto intenti pericolosi, ma solamente uno “scopo terapeutico”. L’ex agente era arruolato nella polizia dal 2005 al 2010.

In due dichiarazioni preparate e consegnate agli investigatori, Jones ha ammesso di aver compilato una lista contenente i dettagli di 51 persone conosciute ai tempi dell’università.

Jones, rilasciato lo scorso mese con la condizionale, era stato nuovamente arrestato mercoledì e portato nella Serious Crime Suite nella stazione di polizia di Antrim.

Riferisce l’investigatore che inizialmente Jones si era rifiutato di rispondere alle domande. Solo dopo aver parlato con il suo avvocato aveva consegnato le due dichiarazioni scritte.

Nel testo Jones ammetteva di essere l’autore della lista. Ha affermato di aver scritto i dettagli di altri 45 agenti di polizia e di 51 persone conosciute dai tempi dell’università, ma ha negato qualsiasi intento maligno.

Il giudice ha rimandato in custodia l’ex agente. Entro la fine del mese comparirà nuovamente in aula in video collegamento.