Mary McArdleUn parlamentare di Westminster del DUP è stato il primo membro del partito unionista a chiedere alla consulente speciale dello Sinn Fein, Mary McArdle, di dimettersi.

Jim Shannon, eletto nella circoscrizione di Strangford, afferma che la donna, nominata consulente speciale dal ministero della Cultura Caral Ni Chuilin, dovrebbe chiedere “direttamente scusa” alla famiglia della sua vittima, Mary Travers.

Il primo ministro nordirlandese Peter Robinson ha descritto la nomina della McArdle come “insensibile ed un errore” e il parlamentare del DUP Gregory Campbell parla di nomina “reprensibile”.

Ma sia il DUP che l’UUP non sono andati oltre nel chiedere le dimissioni di Mary McArdle da un posto che le permetterà di guadagnare un salario di circa 1.100 euro alla settimana.

Tuttavia Shannon afferma: “Adesso lo Sinn Fein è in una posizione in cui può ascoltare la propria comunità e provare al resto dell’Irlanda del Nord che si impegna nella pace, nominando un altro consulente non così contrastato.

“Posso comprendere il dolore della famiglia (Travers) ed il fatto che il dolore sia riaffiorato e acuito per i commenti fatti dallo Sinn Fein e dalla McArdle sull’omicidio, e sostengo le loro richieste di dimissioni”.

Shanno dice di essere stato contattato da molti elettori arrabbiati per la nomina, specialmente dopo la rivelazione dell’esistenza di un video di propaganda repubblicana – vecchio di soli cinque anni – in cui la McArdle parla di omicidio.

Il vice primo ministro Martin McGuinness ha detto che la McAdrle non presenterà le proprie dimissioni.

Alla domanda sugli scenari possibili se la donna non rinuncerà al posto, Shannon afferma di dover essere “ripetitivo” e aggiunge: “Abbiamo bisogno di avere scuse prounciate direttamente alla famiglia”. Shannon sostiene anche la revisione, voluta dal ministro delle Finanze Sammy Wilson, su come vengono nominati i consulenti speciali. Afferma che attende con “grande interesse” i risultati.