Il Police Ombudsman ha rimandato la pubblicazione del rapporto sulla strage di Loughinisland del 1994, su richiesta delle famiglie delle vittime

Massacro di Loughinisland, 1994Sei cattolici morirono nell’attacco terrorista di 17 ani fa, quando uomini della UVF aprirono il fuoco nel bar The Heights, sparando oltre 200 proiettili.

I parenti delle vittime hanno sempre parlato di collusione con le forze di sicurezza e sperano che il rapporto del Police Ombudsman, già ritardato diverse volte, potrà fornire risposte.

I risultati dell’indagine dovevano essere rilasciati questa settimana, ma la pubblicazione avverrà a giugno.

La mossa giunge dopo colloqui tra il Police Ombudsman e le famiglie, che non sarebbero contente di alcuni contenuti del rapporto.

“La dichiarazione pubblica del Police Ombudsman sull’indagine riguardante le circostanze che concorrono al l’attacco terrorista del 1994 al The Heights Bar di Loughinisland, in cui sei persone furono assassinate, è stata rimandata”, si legge in una dichiarazione di lunedì.

“Le famiglie delle vittime e dei feriti nell’attacco hanno chiesto che i risultati non siano pubblicati questa settimana. Avendo ascoltato le loro motivazioni, il Police Ombudsman ha accordato un ritardo di alcune settimane”.

Il rapporto lungamente atteso su Loughinisland era pronto originariamente per il 2008.

Questo è stato mandato indietro in modo che potessero avere luogo delle revisioni, dopo che nuove informazioni sono state presentate, sostenendo che ulteriori controlli sul rapporto andavano eseguiti.

L’anno scorso, un file è stato inviato al PPS per valutare se sporgere denuncia contro un agente di polizia coinvolto nel caso, con l’accusa di aver aiutato gli uomini armati.

L’accusa non è andata avanti, perché c’erano “prove insufficienti” per ottenere una condanna.

Dettagli dei risultati iniziali del Police Ombudsman, ottenuti da Utv, hanno mostrato che ci sono state importanti carenze nel corso dell’inchiesta iniziale, comprese le affermazioni secondo cui non erano stati fatti abbastanza sforzi per identificare gli assassini, che la polizia non aveva parlato con gente ritenuta interessante e che prove chiave erano state distrutte.