Lo scrittore irlandese Roddy Doyle afferma che l’ingresso di Martin McGuinness nella campagna presidenziale irlandese sia avvenuto “troppo presto”

Roddy DoyleHa detto nel programma Evening Extra di BBC Radio Ulster: “Ritengo quanto fatto da Martin McGuinness, Gerry Adams e dagli altri nello Sinn Fein sia abbastanza straordinario.

“Ma è troppo presto per l’auto-congratularsi, penso. Non credo completamente alla risposta su quando è uscito dall’IRA – Non riesco a credere fosse il 1974”.

Roddy Doyle ha detto che la corsa alla Presidenza irlandese è improvvisamente diventata “un’elezione molto interessante”, dopo l’ingresso di McGuinness.

“Tenuto conto che l’anniversario del 1916 si avvicina, mi sembra ci sia in palio il controllo della definizione di ciò che significa essere irlandese”, ha affermato.

“Ritengo, personalmente, che il passato Martin McGuinness non sia il passato, ma sia il presente. Lui è ancora vivo e le persone che sono state uccise non lo sono più, ma quelli che sono stati lasciato indietro sono vivi.

“Lui dice che è nel passato. Stavo ascoltando Joe Duffy alla radio Rté all’inizio della settimana e le persone che difendevano la decisione di Martin McGuinness si riferivamo alle vittime come a “tutti quelli”… per tre volte tre persone, tra cui un parlamentare irlandese di nome Finian McGrath, si sono riferiti a “tutti quelli”, come se fosse una sorta di comportamento scorretto che possiamo mettere da parte”.

Doyle ha detto che pensava le elezioni sarebbero state su chi possiede la definizione di irlandesità o se nessuno dovrebbe possederla.

“Al momento, probabilmente, voterei per Michael D Higgins,” ha detto.

“Quando era ministro per le arti, ha avuto un ruolo enorme nell’apertura del paese e nel consentire al paese di essere definito da come si esprime.”

Ha affermato che David Norris dovrebbe avere la possibilità di correre per la presidenza.

Norris si ritirò dalla campagna elettorale nel mese di agosto, dopo che emerse la lettera inviata ad un tribunale israeliano in cui implorava clemenza per la sua ex compagna.

Ezra Yitzhak era stata condannata per lo stupro di un quindicenne.

Tuttavia, Norris potrebbe ancora tornare a correre per la presidenza. Doyle ha detto che dovrebbe avere la possibilità di farlo.

“Non mi piace l’idea che ci siano tutori che possono decidere chi può e chi non può partecipare… credo dovrebbe avere l’opportunità di partecipare”, ha affermato.

La scadenza per le candidature è mercoledì prossimo.

Il candidato del Fine Gael, Gay Mitchell, il laburista Michael D Higgins, Martin McGuinness dello Sinn Fein e gli indipendenti Mary Davis e Sean Gallagher si sono già assicurati le nomine per partecipare alle elzioni presidenziali che si svolgeranno il 27 ottobre prossimo.