Regina Elisabetta II a Cork
Contrariamente a quanto si ritiene pubblicamente, la visita della Regina britannica a Cork non è stata accettata senza opporre resistenza.

Pur essendo sotto “vigilanza 24 ore su 24”, i volontari dell’Irish Republican Army ha ottenuto l’accesso al campus dell’University College of Cork e ha piazzato un ordigno esplosivo nel parcheggio “Aras na Mac Leinn” il giorno prima che la regina fosse invitata a visitare una sezione del College.

Nonostante le telefonate fatte ai Samaritani ed ai media locali, con un avviso dettagliato e utilizzando una parola di codice riconosciuto, la Gardai ha censurato i mezzi di comunicazione e non ha messo in guardia la popolazione riguardo all’ordigno. A causa delle autorità e del loro atteggiamento dilettantesco nel gestire la situazione, il posizionamento di altri ordigni in luoghi strategici come opposizione alla visita della Regina è stato abortito all’ultimo minuto ed i volontari si sono tirati indietro per non compromettere la sicurezza di civili inermi.

Questo dimostra ancora una volta le nostre capacità militari e noi continueremo a prendere di mira qualsiasi “braccio” dell’establishment britannico che potranno visitare Cork. E a coloro che hanno collaborato con la Regina (in particolare coloro che hanno collaborato a scopo di lucro) mostreremo come siamo implacabili.

La Regina è venuta e se n’è andata… ma noi siamo qui per restare.

Beir Bua