Le azioni del gruppo saranno “più forti di mille parole”. Lo riferisce un rappresentante della Real IRA durante la commemorazione dell’Easter Rising a Derry

Real Ira | RIRALa Real IRA ha promesso di intensificare la sua campagna armata nel corso dell’anno, annunciando che le sue azioni saranno “più forti di mille parole”.

L’annuncio è stato fatto da un uomo a volto coperto, vestito con l’uniforme paramilitare della Real IRA, durante la commemorazione per l’Easter Rising organizzata dal 32 County Sovereignty Movement presso il City Cemetery a Derry.

Quasi 300 persone si sono radunate nel cimitero per l’evento. C’era anche una considerevole copertura da parte dei mezzi di comunicazione.

Il paramilitare della Real IRA faceva parte di un colorato corteo che è partito dai cancelli del City Cemetery in Blight’s Gardens per raggiungere il monumento repubblicano dove si è tenuta la commemorazione.

Annunciando i progetti del gruppo per i prossimi 12 mesi, l’uomo ha detto: “Quest’anno le nostre azioni saranno più forti di mille parole”.
Quindi il corteo è sparito tra la folla al termine della commemorazione.

Poco dopo, un gruppo di giovani si è radunato a poca distanza dal cimitero e ha cercato di erigere una barricata alla rotonda nei pressi della chiesa di St. Mary, bruciando immondizia sulla strada.

Si è verificato il lancio di almeno una bottiglia incendiaria.

L’avvertimento della Real IRA giunge solo due settimane dopo la rivendicazione del gruppo di aver abbandonato 4 bombe presso differenti luoghi del centro di Derry, provocando ingorghi al traffico. Altri allarmi bomba erano stati lanciati in tutto il Nordirlanda nello stesso periodo.

La Real IRA ha anche rivendicato gli attacchi contro alcune stazioni di polizia negli ultimi mesi.

Marian Price, segretaria nazionale del 32CSM, ha tenuto il discorso principale alla commemorazione e ha chiesto ai repubblicani di “agire” nelle proprie comunità.

“La nostra opposizione intellettuale alle attuali strutture deve essere sostenuta da azioni sul territorio che facciano capire alla gente che la rivolta del 1916 è una questione non completata”, ha affermato. “Dobbiamo agire adesso; non possiamo più aspettare”.

La Price ha anche attaccato Martin McGuinness dello Sinn Fein: “I collaborazionisti che ci chiamano traditori è un coro familiare. Il repubblicanesimo non può essere guidato dai collaborazonisti”, prosegue la Price.

Il repubblicano di Belfast, Terry McCaffery, recentemente rilasciato dal carcere, era presente alla commemorazione.