Mike Nesbitt - John McCallisterIl leader dell’Ulster Unionist Party Mike Nesbitt ha cacciato il suo numero due John McCallister per il discorso in cui ha detto che l’UUP sta “deambulando verso l’unità unionista”.

Il discorso è stato fatto davanti a un piccolo gruppo di Giovani Unionisti nella serata di sabato ed è stato preso da Nesbitt come un attacco alla sua leadership.

Resta inteso che Nesbitt ha parlato a McCallister – sconfitto a marzo durante la corsa per la leadership dell’UUP – nel fine settimana prima di incontrarlo la mattina di lunedì per comunicargli di averlo rimosso a causa del discorso.

Dopo tale riunione, in una e-mail inviata ai parlamentari del partito, il Segretario Generale dell’UUP Colin McCusker ha detto che la posizione del vice leader è stata rivisto.

Nella e-mail si leggeva: “Il leader del partito sarà a Manchester lunedì 1 e martedi 2 ottobre in occasione della conferenza del partito laburista.

“Condurrà un mini rimpasto della squadra assembleare che annuncerà al suo ritorno nel corso della settimana.

“Ha già deciso di liberarei la posizione di vice leader del gruppo dell’Assemblea in attesa di una revisione di questo incarico”.

McCallister venerdì sera non era presente nella cena per il centenario dell’Ulster Covenant organizzata da DUP e UUP – perché, ha affermato, doveva curare i sue due figli piccoli.

È parso frustrato dalle dichiarazioni congiunte, dalle foto e dalla cena con il DUP, il maggior partito unionista rivale giunte dopo le critiche rivolte al partito del primo ministro Peter Robinson nel corso della conferenza della settimana precedente.

Nesbitt ha rifiutato di mettere da parte il candidato del partito nelle prossime elezioni suppletive nel Mid-Ulster, dicendo solamente che ci sarà un candidato con “i valori dell’Ulster Unionist”.

Questa settimana il leader UUP ha rilasciato due dichiarazioni congiunte con Robinson, ha partecipato alla Commissione Parate con il leader del DUP ed è stato fotografato con lui prima della cena congiunta per ricordare l’Ulster Covenant.

Questi sviluppi hanno turbato diversi membri dell’UUP che si oppongono fermamente all’avvicinamento al DUP del proprio partito.

Nel discorso di sabato sera, McCallister ha detto che era “una delusione … la conclusione degli osservatori, secondo cui l’UUP sta deambulando verso l’unità unionista”.

“L’elenco quasi quotidiano di iniziative condivise con il DUP – commemorazioni condivise, comunicati stampa condivisi, eventi condivisi, dichiarazioni condivise – hanno costruito la sgradevole impressione che il treno verso “l’unità unionista” ha lasciato la stazione.

“Nella cabina di guida un certo P Robinson mostra un largo sorriso, deliziato dalla presenza dell’UUP come passeggero”.

Secondo McCallister molti nell’UUP vedono la prospettiva di unità unionista come “un tradimento profondo e un rifiuto dei valori del Covenant”.