Gerry Adams - Sinn FeinLe marce dell’Orange Order ed il rispetto per le diverse culture dovranno essere parte della futura Irlanda unita, ha detto il presidente dello Sinn Fein, Gerry Adams, ad un evento speciale a Westminster.

Il leader repubblicano ha parlato ai presenti nella Grand Committee Room nella Casa dei Comuni, come parte della strategia di una campagna internazionale per avviare il dibattito sulla riunificazione irlandese.

Adams ha detto che il controllo politico britannico su parte dell’Irlanda resta la causa fondamentale del conflitto.

E nella ripresa dei disordini intorno ad una parata dell’Orange Order a Belfast, ha dibattuto che il rispetto per le varie culture in Irlanda, compresa quella della comunità unionista, deve essere la chiave per un nuovo futuro.

“Respingo totalmente l’unione (del Nordirlanda con il Regno Unito, Ndt) ma credo che un democratico deve ascoltare gli unionisti su ciò che credono di poter offrire ai cittadini”, ha detto.

“Un dibattito pubblico su questi argomenti chiave può solo essere un positivo passo in avanti.

“Dobbiamo guardare a ciò che gli unionisti intendono con il loro senso di Britannicità e dobbiamo esplorare ed essere pronti a nuovi concetti.

“Ci sono così tanti argomenti da affrontare insieme per i repubblicani e gli unionisti”.

Ha affermato che un’Irlanda unita deve rispettare la diversità culturale.

“Questo vuol dire che le marce orangiste, benché sulla base di rispetto e cooperazione, continueranno in un’Irlanda unita se questo sarà il desiderio dell’Orange Order”, ha proseguito.

“Così, come parte di questo progetto, in un’Irlanda unita le agenzie, la gestione, i simboli e gli emblemi hanno bisogno di mostrare le diversità della nostra società. Questa è una sfida preoccupante”.

Adams ha parlato in due eventi simili negli Stati Uniti nelle ultime settimane ed il suo partito sta pianificando una grande conferenza in Inghilterra nel prossimo febbraio.