Portadown LOL 1 a DrumcreeGli orangisti di Portadown hanno cambiato rotta ed hanno presentato il modulo 11/1 per ottenere il permesso di svolgere la parata chiamata Domenica di Drumcree (Drumcree Sunday) – a soli 5 giorni dall’evento.

L’inversione di tendenza segue la conferma da parte della PSNI che il Pubblico Ministero ha emesso atti di citazione a giudizio per 15 persone che avrebbero preso parte ad una parata illegale avvenuta a Lurgan il 23 gennaio di quest’anno.

Gli ufficiali del distretto di Portadown erano arrabbiati perché sembrava che la parata di Lurgan venisse ignorata dalle autorità. Sostenevano che, mentre avevano assiduamente presentato la richiesta ogni anno, e per ogni domenica in cui tengono la protesta settimanale, le “parate illegali repubblicane e nazionaliste venivano ignorate”.

Gli orangisti avevano dichiarato di aver deciso di non presentare il modulo 11/1 per chiedere il permesso per la parata di Drumcree, ma hanno cambiato idea dopo aver incontrato il segretario di Stato Owen Paterson a Stormont e dopo aver saputo delle citazioni in giudizio a Lurgan.

Paterson ha suggerito che infrangere la legge sarebbe stato controproducente per gli orangisti e questo è stato seguito dalla dichiarazione della PSNI che 15 persone erano state citate in giudizio per la parata di Lurgan. La dichiarazione ha aggiunto: “Una lunga e importante indagine è stata condotta dopo la parata, e un approfondimento è ancora in corso per una successiva parata non notificata nel periodo di Pasqua”.

L’ufficiale comandante di Craigavon, l’ispettore capo Anthony McNally, ha dichiarato: “Prendiamo la questione delle parate non notificate molto sul serio, e in ogni incidente, cerchiamo di proteggere la popolazione, di mantenere l’ordine pubblico, e raccogliere le prove, al fine di perseguire coloro che infrangono la legge”.

Il Distric Master di Portadown Darryl Hewitt ha affermato: “Ora siamo soddisfatti dell’azione intrapresa sulla parata illegale di Lurgan. Non abbiamo alcun desiderio di infrangere la legge, ma fino ad ora c’è stata una legge per la comunità lealista e un’altra per i nazionalisti. Alla luce di questi procedimenti, abbiamo deciso di inviare il modulo necessario”.

Ha aggiunto che gli ufficiali avevano preso la decisione ieri mattina, anche se la presentazione del modulo 11/1 è ancora in ritardo, perché andava presentato con 28 giorni di anticipo. Tuttavia, anche lo scorso anno la domanda era stata presentata una settimana prima della parata e le autorità avevano chiuso un occhio.

Hewitt ha dichiarato: “Abbiamo sempre chiesto colloqui faccia a faccia con la Garvaghy Road Residents Coalition (GRRC – l’associazione dei residenti della nazionalista Garvaghy Road), senza precondizioni, ma non ne vogliono sapere, e la Commissione Parate non fa nulla per organizzare quei colloqui”.

La commissione, però, ha insistito che sta facendo tutto il possibile per convincere le due parti ad incontrarsi, mentre Joe Duffy – presidente del GRRC – ha detto: “E’ una questione morta ed è giunto il momento di andare avanti”.